scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
12/12/2020

Palasport, revocato l’appalto sul pavimento

QN - La Nazione

MONTELUPO FIORENTINO E' stato revocato l'appalto per il rifacimento della pavimentazione da gioco del palazzetto dello sport «Sergio Bitossi» di Montelupo, in via Marconi. Dopo la ristrutturazione della copertura, danneggiata dal nubifragio della fine agosto 2019, sarebbe stato adesso il turno del pavimento. Lo sarà, ma bisogna aspettare un attimo: la revoca è stata decisa dal Comune perché non si sarebbe trovato accordo con l'impresa aggiudicataria riguardo i materiali. Si tratta di un appalto di quasi cinquantamila euro. «L'essenza di legno del pavimento proposta dalla società (aggiudicataria, ndr) non è faggio, come invece richiesto dal capitolato speciale di appalto, - si spiega nella relazione dello stesso Comune di Montelupo Fiorentino- ma Hevea e pertanto il materiale previsto in progetto non risulta correttamente campionato». Secondo alcuni termini di legge, ma il nodo sarebbe proprio in un disaccordo sui materiali con i quali realizzare il pavimento. Quello odierno risale alla costruzione del palazzetto nei primi anni Novanta e ad ogni modo ha subìto - seppure meno che il tetto - le conseguenze di quel disastroso nubifragio estivo. L'impresa ha contro-replicato ma il Comune non è tornato indietro: «La possibilità indicata dalla società del binomio 'Essenza di legno Faggio - Produttore' non è sorretta da alcuna giustificazione dal momento che con una banale ricerca sui siti internet è possibile individuare diverse ditte che producono pavimentazioni in massello di faggio a uso sportivo». E ora? Si dove vedere anche l'eventuale reazione amministrativa e legale dell'impresa che aveva vinto l'appalto. Da parte sua, il Comune si sta già muovendo per bypassare l'impasse e procedere ad altro affidamento onde procedere quanto prima a fare i lavori e presentare a primavera un Palasport «Bitossi» quasi del tutto rinnovato (sono stati fatti arrivare anche nuovi attrezzi per le diverse discipline sportive). Bisogna altresì ricordare che più che i lavori, svoltisi finora nei tempi e senza troppo interferire con l'attività, a rallentare il «ritmo» del «Bitossi» di via Marconi è stato più che altro il Covid19, con tutte le difficoltà ben note, legate alla complicata gestione dell'emergenza sanitaria in corso e del contrasto alla pandemia. Andrea Ciappi© RIPRODUZIONE RISERVATA