scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
05/01/2021

Palasalute, scatta il nuovo appalto Per finire l’opera servono 1,3 milioni

La Stampa - ANDREA FASSIONE

i lavori iniziati otto anni fa, poi lo stop nel 2017
SANREMO Riparte con un nuovo appalto, il secondo, l'iter per il completamento del Palasalute di Sanremo. A 8 anni dal via ai lavori il conto è destinato a salire ancora: le opere già eseguite sono costate circa 7 milioni di euro, ora servirà 1 milione e 300 mila, a carico dell'Asl 1 Imperiese, per finire l'opera iniziata nel 2012 e interrotta nel 2017. Nel 2018 l'ammissione al concordato preventivo della ditta appaltatrice, la Blerana Spa di Viterbo, poi il suo definitivo fallimento nel 2019. Lo scorso anno è scattata la rescissione del contratto, soluzione imposta dal Tribunale. Dopo aver approvato la consistenza delle opere realizzate, l'Asl ha varato a fine dicembre 2020 il nuovo quadro tecnico suddividendo gli 1,3 milioni rimanenti in 900 mila euro per lavori, 45 mila per oneri di sicurezza, 28.592 per imprevisti, 150 mila per spese tecniche, 10 mila per spese di pubblicità, 10 mila per spese di collaudo, il resto per Iva e incentivi di legge. Nelle 45 pagine che compongono la delibera e il preliminare di progettazione non c'è traccia di una ritinteggiatura della poco apprezzata facciata in mimetica che dona all'edificio l'aspetto di un bunker. Ci sono invece tutte le opere edili e impiantistiche, in particolare elettriche (non gli arredi,) che servono per terminare l'importante centro di servizi medici territoriali: è destinato a ospitare studi medici professionali, radiologia, igiene (Sert e vaccinazioni), ambulatori e piccola chirurgia. Servizi attualmente ospitati in diverse strutture cittadine che l'Asl prevede di concentrare al Baragallo. Ma nel progetto originale mancava, e continua a mancare, un parcheggio adeguato all'afflusso d'utenza. Per questo, anche nel nuovo quadro tecnico, si prevede di realizzare un ingresso separato per il pubblico, con spazio per una sosta rapida coperto da pensilina, e un altro ingresso destinato alle emergenze. Asl e Comune dovranno giocoforza pensare a come risolvere il nodo dei parcheggi mancanti, che rischia di trasformarsi in un serio problema. Il tempo non manca, anche se si procederà nel modo più rapido possibile: per la progettazione sarà sufficiente la parte esecutiva e sarà affidata con procedura negoziata, l'appalto seguirà il criterio del minor prezzo con esclusione delle offerte anomale. Contando anche le fasi di cantiere e i collaudi finali, infine i traslochi, è davvero arduo che il Palasalute possa essere pronto prima della fine del 2021. -

Foto: Il Palasalute di Baragallo, con il suo singolare cromatismo


Foto: Uno scorcio della struttura