scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
15/12/2020

Ok al collegamento con l’aeroporto

La Gazzetta Del Mezzogiorno

I CANTIERI DA APRIRE PIÙ FACILE IL TRANSITO MEZZI PESANTI LE TAPPE La Regione Puglia, tre anni e mezzo fa, aveva dato la disponibilità ad utilizzare i finanziamenti. Poi il progetto, le varianti urbanistiche e la gara LE CIFRE Il bando di 7,8 milioni, ma in seguito al ribasso offerto dal primo classificato è stato poi aggiudicato a 6,2 milioni circa
La Provincia assegna l'appalto per il raccordo tra la strada statale 7 e lo scalo grottagliese
FABIO VENERE l Assegnato l'appalto per il collegamento tra la strada statale 7 e l'aeroporto di Grottaglie. L'importo è di 6,2 milioni di euro circa. Il nuovo tracciato partirà dallo svincolo per Monteiasi e realizzando una nuova bretella, arriverà sino all'ingresso dell'aeroporto migliorando così il transito dei mezzi pesanti. Nei giorni scorsi, la Provincia di Taranto, settore Viabilità, ha approvato il provvedimento dirigenziale (in gergo, determina) che dà il via libera alla realizzazione, ammodernamento e manutenzione di una strada che sarà classificata «C1». In particolare, in base a quel che stabilisce il Codice della strada, si tratta di un percorso extraurbano secondario, ma a traffico sostenuto. L'opera è finanziata dal Fondo di sviluppo e coesione (Fsc) 2014 - 2020 (Patto per la Puglia) che, tra progettazione ed esecuzione, aveva stanziato 12 milioni di euro. Tre anni e mezzo fa, infatti, la sezione Infrastrutture per la mobilità della Regione Puglia (il 13 aprile del 2017) comunicò ufficialmente all'Am ministrazione provinciale di Taranto la disponibilità del finanziamento. E il 18 dicembre di quello stesso anno (2017), i tecnici incaricati del raggruppamento temporaneo di imprese (Rti) composto da Sina spa, Etacons srl, Prato Engineering srl, (capogruppo Sina spa), consegnarono il progetto definitivo dei lavori. Il 19 marzo 2019, dopo che erano stati consumati altri passaggi amministrativi tra cui le adozioni delle varianti urbanistiche da parte dei consigli comunali di Grottaglie e Monteiasi, la società Sina deposita il progetto esecutivo. E, a quel punto, dopo la validazione del progetto si è passati alla seconda fase. La Provincia, infatti, pubblicava il bando di gara il 9 ottobre 2019 fissando la scadenza per la presentazione delle offerte alle ore 12 dell'11 novembre. Che, alla fine, sono diciotto. Lo scorso 24 luglio, in un verbale redatto dalla commissione di gara, veniva stilata una graduatoria che assegnava il punteggio più alto (91,04) al raggruppamento temporaneo di imprese composto dalle imprese Pype Lyne - Tesoro srl, ma il responsabile unico del procedimento della Provincia (Rup), Paolo Caramia , richiede di fornire tutte le giustificazioni relative all'offerta proposta. E dopo aver letto le valutazioni inviate dal pool di imprese primo in graduatoria e dopo aver chiesto ed ottenuto ulteriori documenti, lo scorso 29 settembre, il funzionario dell'Ammini strazione provinciale esprime il giudizio tecnico negativo sulla congruità, sostenibilità e realizzabilità dell'offerta. Dichiarandola «anomala», Per questa ragione, nello stesso giorno, gli uffici della Provincia escludono il raggruppamento composto da Pype Lyne spa e Tesoro srl e, contestualmente, propongono l'aggiudi cazione dell'appalto al secondo classificato (poco più di 87 punti). Si tratta, per la cronaca, dell'associazione temporanea di imprese composta da: Eurocogen srl (mandataria) di Roccanova in provincia di Potenza; Modomec Ecoambiente srl (mandante) di Massafra in provincia di Taranto e da Isea srl (mandante) di Fragagnano, in provincia di Taranto. Decisione assunta in considerazione del punteggio ottenuto, del ribasso offerto (20,22 per cento) e della riduzione dei tempi di esecuzione dei lavori del 50 per cento. In considerazione dello... sconto proposto in fase di offerta, quindi, è stato poi determinato l'im porto di aggiudicazione in 6 milioni 197mila euro, oltre l'Iva e oltre a 51mila euro per gli oneri di sicurezza non soggetti a ribasso. L'importo iniziale dell'appalto era di 7,8 milioni di euro. Il provvedimento, dopo le verifiche sulla congruità dell'offerta del nuovo aggiudicatario, è stato pubblicato lo scorso 1 dicembre. Quest'opera infrastrutturale sarà molto importante per il futuro sviluppo dell'aeroporto che, indipendentemente dalle rotte che seguiranno gli aerei che decolleranno dalla pista dell'"Arlotta", sarà più facilmente raggiungibile. IL PROGETTO Verrà realizzata una strada extraurbana secondaria ma a traffico sostenuto verso l'«Arlotta»