scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/12/2020

Niente ribaltone sulla gestione della piscina

Corriere Adriatico

Confermata dal tribunale l'aggiudicazione del Comune al Team Marche
IL CASO
OSIMO Il Comune tira un sospiro di sollievo sulla vertenza scaturita dalla nuova gestione dell'impianto natatorio della Vescovara. Mercoledì è arrivata la vittoria nella causa avanzata dal Team Osimo Nuoto sull'appalto per la piscina pubblica, la cui gestione era passata alla società jesina Team Marche la scorsa estate previa bando comunale. Il sodalizio osimano presieduto da Gianni Chieti, che l'aveva gestita per 7 anni, ha chiamato in giudizio davanti al tribunale ordinario di Ancona sia Comune che Team Marche, ritenendo che la mancata assegnazione degli spazi-acqua previsti dall'appalto gli avrebbe fatto perdere i tesserati. Nel mirino dunque non la mera assegnazione al Team Marche, ma il mancato rispetto delle clausole di pluralità associativa previste nell'appalto, che secondo Team Osimo avrebbero dovuto garantirgli un monte ore invece disatteso. Il giudice tuttavia ha rigettato la sua richiesta, come annuncia l'avvocato del Team Marche Emanuele Giuliani: «Il tribunale ha ritenuto insufficienti le prove del Team Osimo secondo le quali le mancate ore fornite loro avrebbero fatto perdere tesserati, semmai - dice - se avessero accettato la nostra offerta, anziché pretendere il 90% delle ore, magari qualche tesserato ancora lo avrebbero».
In sostanza per il tribunale il Team Marche non deve concedere altre ore al Team Osimo perché già a suo tempo, a settembre, il numero di tesserati non ne giustificava la richiesta. La società osimana, che invece ritiene di aver perso atleti per via della nuova gestione, aveva paventato anche una causa risarcitoria verso il Comune: «La proposta del Team Marche - disse il presidente Chieti - ci arrivò tardivamente, a fine settembre. Ora gli atleti osimani sono tesserati con la squadra di Jesi e il Comune ha favorito questa perdita». Ma per l'avvocato del Team Marche «sarà difficile che ottengano risarcimento visto che questa sentenza conferma la regolarità dell'appalto». Nel frattempo sia la pagina Facebook che il sito web del Team Osimo Nuoto non risultano più reperibili.
g. q.
© RIPRODUZIONE RISERVATA