scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
03/12/2020

Mutuo casa e cura bimbi: 40mila euro alle famiglie

QN - Il Giorno

GORGONZOLA di Monica Autunno Settima variazione di bilancio, e due nuovi fondi vanno per le famiglie in difficoltà: uno, 40 mila euro, andrà a sostenere i nuclei familiari deboli per il pagamento del mutuo prima casa, «priorità assoluta in questo momento emergenziale». Variazione numero sette, ne seguirà in zona Cesarini una numero otto, con procedura d'urgenza, in dicembre: dovrà recepire a livello tecnico lo stanziamento da centomila euro a beneficio delle attività commerciali penalizzate dai decreti per la seconda ondata Covid. Ma il bando per l'assegnazione farà comparsa sul sito comunale già nelle prossime ore. E' stato l'assessore al Bilancio Gianni Sbrescia a presentare quella che avrebbe dovuto essere, a rigore di scadenza normativa, l'ultima variazione allo strumento economico dell'anno. «In questo anno, così particolare, le modifiche sono state indispensabili. I settori scuola e sociale sono stati pesantemente modificati, anche economicamente parlando, dall'emergenza». Nel calderone di questo giro fondi interventi di ordine tecnico, acquisto materiale e spese per la Polizia locale, acquisto di attrezzature per la Protezione civile (derubata del parco motoseghe). Il tema sociale un valore aggiunto. «Così come stiamo facendo in altri ambiti - spiega l'assessore alle Politiche sociali Nicola Basile - procediamo in due direzioni: contributi comunali, e aggancio a bandi sovracomunali che possono aggiungere preziose risorse, in questo caso specifico a beneficio di chi si trovi in difficoltà per il pagamento del mutuo. Infine, riusciremo a dare aiuti sostanziosi». Per la minoranza: «Condividiamo assolutamente - così Matteo Pedercini per Uniti per Fare - la scelta di dirottare ulteriori fondi sulle famiglie in difficoltà. Sapendo bene peraltro come lavorano gli uffici, siamo certi che le assegnazioni arriveranno in modo trasparente e corretto». Voto di astensione «per coerenza: è la variazione a un bilancio che non abbiamo a suo tempo votato». Stesso concetto per Vincenzo Saglibene e Walter Baldi (Lega Nord e Progetto Gorgonzola). Nella stessa seduta consiliare «a tutti numeri» anche il voto al Documento Unico di programmazione. E se le variazioni di bilancio si sono portate a casa l'astensione e non il voto contrario dell'opposizione, sul dup già presentato in primavera sono piovute le critiche: «Documento copia incolla - per la minoranza - che conferma il fiato corto. Non vi saranno i tempi tecnici per mantenere le promesse fatte ai cittadini».