scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
03/12/2020

Mensa scolastica, nuovo appalto al via

Il Messaggero

COMUNE
Dopo la proroga dell'appalto alla ditta Ladisa, che deve pagare una penale da quasi 5 mila euro per disservizi e ritardi, ora il Comune di Chieti è pronto a cercare un nuovo gestore della refezione scolastica e dà il via alle procedure per la pubblicazione del bando di gara. L'ufficialità è arrivata oggi, con la determina numero 1.257 per l'appalto di refezione scolastica da febbraio a giugno 2021 e per gli anni scolastici 2021/2022, 2022/2023, 2023/2024. La stipula del contratto dovrà avvenire necessariamente entro marzo prossimo. La ditta si occuperà di somministrare poco più di 282mila pasti ad anno scolastico, media basata sui dati del periodo tra il 2017 e il 2019, del valore di 5 euro ciascuno, per un valore complessivo di 1 milione 410 mila 835 euro. L'importo a base di gara è di 5 milioni 259 mila 160 euro e 38 centesimi, comprensivi del costo unitario di ogni pasto e degli oneri di sicurezza di 9 mila 875 euro e 85 centesimi. Intanto il sindaco di Chieti e l'assessore allo Sport, Manuel Pantalone replicano ai commercianti che hanno sottolineato come la piattaforma promossa dal Comune (Portamelo.it) non fosse un e-commerce come annunciato. «Saremo i primi a farci avanti dicono Ferrara e Pantalone -quando sarà possibile affiancare al commercio teatino, una Chieti virtuale dove chiunque, da qualsiasi posto, possa trovare e acquistare prodotti, ma la nostra azione deve andare in entrambe le direzioni, senza che l'una cannibalizzi l'altra. Non sarebbe stato possibile in tempi brevi procedere alla creazione di vetrine di prodotti consultabili on line in quanto, per questo, sarebbe stato necessario un grado medio di digitalizzazione delle attività commerciali che avrebbe richiesto molto più tempo». Sopralluogo nella mattinata di ieri del sindaco Diego Ferrara e del presidente della Provincia, Mario Pupillo alla ex scuola media Giovanni Chiarini situata nel cuore della Villa comunale. Erano presenti i tecnici della Provincia e l'assessore all'Ambiente Chiara Zappalorto. «Una visita si legge nella nota del Comune - per attivare la filiera istituzionale e porre le basi di un percorso che porti al completamento e a un futuro utilizzo dello stabile di proprietà della Provincia, in modo che la città possa averne la piena fruibilità con la riqualificazione di quella porzione di territorio cittadino assieme ai progetti di rilancio della zona». La Provincia ha pubblicato il nuovo bando per l'alienazione degli immobili di proprietà dell'ente con scadenza il prossimo 7 gennaio tra questi figura lo storico locale che ospita il Gran Caffè Vittoria in corso Marrucino.
Francesco Colagreco
© RIPRODUZIONE RISERVATA