scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/12/2020

Marciapiedi da rifare, ecco a chi tocca In via Colombo 12 tigli da abbattere

La Provincia di Como - Luca meneghel

Erba Il piano approvato dalla giunta prevede una spesa di quasi 100 mila euro per cinque strade Gli alberi hanno danneggiato il camminamento e le proprietà private: «Ma altri 18 si salvano»
Dopo la brutta esperienza del 2019, quando l'intervento di manutenzione venne sospeso per divergenze con l'azienda incaricata, l'amministrazione comunale torna alla carica per sistemare i marciapiedi più disastrati della città.

Nel progetto da 89.670 euro approvato dalla giunta ci sono strade del centro città e via Colombo, l'area residenziale al confine con Ponte Lambro: qui per sanare la situazione dovranno essere abbattuti 12 vecchi tigli.

Partiamo proprio da via Colombo, una strada in cui i marciapiedi sono davvero un pericolo. L'assessore Alessio Nava, esperto di alberature, ha effettuato un sopralluogo nei giorni scorsi.

Manutenzioni

«Ci sono alberature ad alto fusto che sono state piantate troppo a ridosso delle recinzioni delle case private, causando sia la rottura dei marciapiedi che il danneggiamento delle stesse recinzioni. Camminare con un passeggino è francamente impossibile».

Nava ha proposto la rimozione di 12 tigli, quelli cresciuti a dismisura: successivamente si potranno rifare i marciapiedi. «Ci sono invece altri 18 tigli che a parer mio si potrebbero salvare, sono più piccoli e con la manutenzione costante non dovrebbero rappresentare un problema».

L'intervento in via Colombo sarà il più radicale e costoso (50mila euro andranno investiti solo qui): bisognerà abbattere parte delle piante, demolire i marciapiedi e il sottofondo, poi ricostruirli da zero. Per i residenti - che lamentano da anni il pessimo stato dei marciapiedi, i problemi arrecati dalle piante e il giro dell'oca a cui sono chiamati per tornare a casa passando dal Comune di Ponte Lambro - sarà una piccola rivincita.

Davanti alle medie

Il resto dei lavori verrà effettuato in centro città, si tratterà di completare interventi già previsti ma non portati a termine con l'appalto del 2019 (che si è concluso con la rescissione anticipata del contratto).

«Abbiamo previsto la sistemazione dei marciapiedi danneggiati in via Dante, in via Majnoni davanti alle scuole medie, sulla parte alta di via Adua all'incrocio con via Fatebenefratelli e all'incrocio tra corso 25 Aprile e via Joriati (in questo caso il marciapiede è costituto da masselli autobloccanti ormai sfondati)».

Le priorità

Al di là di via Colombo, che costerà da sola 50mila euro, l'intervento più grosso è previsto in via Dante (11mila euro, verranno riasfaltati i marciapiedi su entrambi i lati), seguito da via Adua (cinquemila euro, si rifarà il lato sinistro con la numerazione civica pari), corso 25 Aprile (3.500 euro) e via Majnoni (tremila euro). Il resto della somma prevista se ne va in oneri.

Quando verranno effettuati i lavori? Stando al cronoprogramma redatto dall'ufficio lavori pubblici, non prima della tarda primavera. Del resto, come insegna il caso di via Plinio, asfaltare con il freddo è difficoltoso e rischia di rovinare il lavoro fatto nel giro di pochi mesi.