scarica l'app
MENU
Chiudi
02/12/2020

Le mani delle’ ndrine su Bracaleone Al via domani il processod’ appello

Gazzetta del Sud

Reggio Calabria, il filone in abbreviato di" Banco Nuovo- Cumps"
In primo gradoa 25 imputati sono stati inflitti quasi trecento anni di carcere Rocco Muscari
LOCRI Inizia domani il processod' appello del troncone definito in abbreviato del processo" Banco NuovoCumps", che si terrà dinanzi alla seconda sezione penale della Corte di Appello di Reggio Calabria. Il procedimento riguarda 25 imputati condannatia poco meno di3 secoli di reclusione,e siè definito nel luglio 2019, con la sentenza cheè stata depositata soloa giugno di quest' anno con condanne variabili da un minimo di1 annoa 20 anni di reclusione. Gli imputati condannati hanno proposto appello attraversoi difensori, trai quali gli avvocati Speziale, Iaria, Furfari, Curatola, Albanese, Iacopino, Parrelli, Minniti, Napoli, Iemma, Bertone, Commisso, Signatie Nobile, che hanno contestato il contenuto della motivazione del gup distrettuale reggino, composta da 953 pagine, nella quale sostanzialmente sono state confermate le ipotesi investigative rappresentate nel corso della requisitoria da parte dalla Dda reggina, rappresentata dal pm Simona Ferraiuolo. Il giudice dell'abb reviat o, dott.ssa Valentina Fabiani, ha stabilito nella sentenza che, dagli esiti delle indagini svolte dai carabinieri sul «contesto di criminalità organizzata esistente nei territori di Africo, Motticella, Bruzzano Zeffirio» il comune di Brancaleone sarebbe «risultato al centro delle mire espansionistiche delle locali operative ad Africoe Bruzzano, inserite all' interno della struttura unitaria della' ndranghet a». Le indagini dei carabinieri hanno «consentito di accertare una massiva infiltrazione della' ndrangheta nel settore degli appalti pubblici nel territorio compreso trai comuni di Brancaleone ed Africo, consentendo altresì di delinearei nuovi ed aggiornati assetti criminali, nonché gli equilibri tra le varie consorterie». In questo contesto le correlate indagini della Polizia hanno approfondito il profilo relativoa reati in materia di armie di stupefacenti. Nelle scorse settimane siè definito davanti al Tribunale di Locri il filone in ordinario che ha registrato5 condannee 20 assoluzioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA