scarica l'app
MENU
Chiudi
30/12/2020

«La scuola di Badia si farà Cambia solamente la ditta»

Il Tirreno

La sindaca di Altopascio d'ambrosio dopo il ricorso al tar
ALTOPASCIO. Cambierà la ditta, ma la nuova scuola elementare prevista a Badia Pozzeveri si farà. La sentenza del Tar toscano non blocca l'opera, ma fa solo chiarezza: questa la risposta della sindaca di Altopascio Sara D'Ambrosio alla notizia dell'accoglimento, da parte del tribunale amministrativo, del ricorso della ditta arrivata seconda alla gara d'appalto. «La sentenza del Tar della Toscana, infatti - scrive la prima cittadina - mette un punto fermo sul ricorso presentato a giugno da Costruzioni Vitale Srl - Rubner Holzbau Sud srl, il raggruppamento temporaneo d'impresa risultato secondo classificato nella gara d'appalto, condotta dalla stazione unica appaltante della Provincia di Lucca, per la realizzazione del nuovo edificio scolastico che sorgerà in località Agliaio. Il Tar ha infatti accolto il ricorso e nella sentenza, pubblicata pochi giorni fa, ordina di annullare l'aggiudicazione al raggruppamento temporaneo d'impresa Conpat Scarl - Reserarch Consorzio Stabile Scarl , che era risultato primo classificato nella gara e di procedere contestualmente con l'aggiudicazione al consorzio Costruzioni Vitale srl-Rubner Holzbau, provvedendo anche alla sottoscrizione del relativo contratto. Il Tar non ha quindi annullato la gara d'appalto per la realizzazione della nuova scuola, ma ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata, e con la sentenza ha stabilito che il Comune di Altopascio deve procedere con l'aggiudicazione dei lavori al raggruppamento d'impresa, con il quale l'ente dovrà arrivare alla stipula del contratto. La pronuncia del Tar, arrivata il giorno prima di Natale, fa quindi chiarezza sulla controversia e consente all'amministrazione comunale di andare avanti nel percorso per la realizzazione della nuova scuola. Il ricorso era stato presentato a giugno: la legge prevede che, una volta effettuata l'aggiudicazione della gara, devono trascorrere 35 giorni prima di procedere con la stipula del contratto con la ditta vincitrice, per consentire alle altre ditte partecipanti alla gara di presentare eventuali ricorsi. Così è stato. Volontà dell'amministrazione comunale è stata da subito quella di mettere un punto fermo nella controversia, così da poter procedere con l'iter che porterà alla realizzazione della nuova scuola, attesa da tempo dall'intera comunità di Altopascio». --© RIPRODUZIONE RISERVATA