scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
15/12/2020

Il cibo approda (anche) in Piazzola

Corriere di Bologna

L'assessore al commercio Aitini parla di «una decina di banchi alimentari». Già individuati gli spazi
«Stiamo valutando la possibilità di inserire una decina di banchi alimentari. È una novità che mi piacerebbe int r o d u r r e » . L 'a s s e s s o r e a l commercio Alberto Aitini preannuncia una svolta a suo m o d o s to r i c a n e l l 'a n t i c o mercato cittadino dove da secoli si trova di tutto, tra moda, in particolare abbigliamento, scarpe e accessori, ma anche prodotti casalinghi, piante e fiori. Tutto tranne il food appunto, che invece è ben nota chiave in termini di affari non solo per i punti vendita specializzati ma anche per la sua capacità di fare da traino a tutto quello che gira intorno. Spesso contestato per una colonizzazione, soprattutto del centro cittadino, a scapito della qualità, ma alla fine gradito per la sua capacità di richiamo della clientela. Ecco allora che dieci banchi a tema alimentare sarebbero visti come una spinta per tutto il mercato della Piazzola. Al momento soltanto un'ipotesi, precisa l'assessore, eppure evidentemente avanti se è vero che è stata già individuata la possibile collocazione di questi banchi tra piazzale Baldi e il parco della Montagnola, nei parcheggi dell'area accanto allo Sferisterio. Una soluzione che servirebbe a completare l'offerta del venerdì e del sabato, portando anche nuova clientela ai banchi già esistenti e puntando sulla qualità, oltre che sulla tradizione, ma magari anche assecondando la spinta multietnica assunta negli ultimi anni dal mercato. Sarà uno degli interventi di restyling per rendere il mercato più fruibile e «più bello», con maggiore spazio fra i punti vendita garantito anche dal taglio di 60 posti, dai 350 di prima ai futuri 290. «Una Montagnola 2.0» dice l'assessore, anche per spiegare la diversa lettura del decreto agosto e del Ministero del Lavoro rispetto a quella data dagli ambulanti rimasti fuori dal nuovo bando di assegnazione. Secondo loro, infatti, l'intervento legislativo sancisce «il diritto al rinnovo per gli operatori esclusi dalle graduatorie dei bandi» come dice Marrigo Rosato, segretario nazionale dell'Ana Ugl, che chiede all'amministrazione di revocare le nuove assegnazioni deliberate in settimana. Quando gli operatori hanno manifestato davanti agli uffici comunali in via Liber Paradisus, «60 famiglie perdono il posto di lavoro» e altre scritte contro il Comune sui loro cartelli. In ventinove, l'annuncio è delle ultime ore, faranno ricorso al Tar contro la delibera comunale. L'assessore replica che il decreto governativo si riferisce «a mercati invariati. Qui invece una delibera del Consiglio comunale nel 2016 ha fatto partire un percorso lunghissimo per la riduzione dei banchi, dal quale non si può tornare indietro». Perciò «la revoca non è possibile e gli esclusi non possono stare in Piazzola. Non li vogliamo lasciare per strada, abbiamo idee e aspettiamo le loro proposte per mettere a bando soluzioni in altre zone della città. Anche perché il decreto assegna priorità a chi ha perso il vecchio posto». I 290 riassegnati sono andati tutti a operatori già presenti in Montagnola, si parte tecnicamente dal primo gennaio ma ci vorrà più tempo perché prima saranno svolti alcuni lavori. Gli esclusi sono pronti «ad arrivare anche al Consiglio di Stato se necessario» dice di nuovo Rosato, che continua a rivendicare il rinnovo automatico di 12 anni per chi aveva la vecchia concessione, che nel 2017 era stata prorogata fino al 31 dicembre di quest'anno. Ricordando come la gran parte degli operatori rimasti fuori dal bando abbiano pagato errori materiali nella compilazione della domanda o di invio a un indirizzo pec sbagliato. Luca Muleo

La vicenda

● Questi banchi, una decina, starebbero tra piazzale Baldi e ila Montagnola, nei parcheggi dell'area accanto allo Sferisterio. ● L'assessore comunale al Commercio Alberto Aitini fa sapere che l'amministrazio ne ha in cantiere di far sorgere all'interno del tradizionale mercato della Piazzola anche alcuni banchi dedicati al cibo ● Food (tradizione ma forse anche etnico, secondo la vocazione che ha ormai da tempo il mercato) che serve a rilanciare l'immagine del mercato assieme ad altri intervento

Foto: Il mercato


Foto: Lo storico mercato della Piazzola, che si tiene al venerdì e al sabato in piazza VIII Agosto, con alcuni banchi anche sul versante della Montagnola, ora avrà anche il cibo


Foto: Guerra legale Ventinove operatori che hanno perso il banco hanno ricorso al Tar contro la delibera


Foto: Dove Il food troverà posto fra piazzale Baldi e il parco della Montagnola accanto allo Srefisterio