scarica l'app
MENU
Chiudi
22/12/2020

Gara per le telecamere C’è l’ennesimo ricorso

La Stampa - GIANNI MICALETTO

videosorveglianza a sanremo: sarà indetto nuovo appalto
La ditta esclusa si è appellata al Consiglio di Stato
SANREMO Si arricchisce di un altro capitolo il contenzioso legato all'appalto per potenziare sensibilmente la rete di telecamere di sicurezza puntate su strade e piazze, facendo di Sanremo una delle città italiane più videosorvegliate in rapporto a territorio e popolazione. La battaglia legale, innescata dalla seconda classificata, si è infatti trasferita dal Tar al Consiglio di Stato, che ha respinto la richiesta di sospensione dell'efficacia della sentenza di primo grado, favorevole al Comune, pronunciata un paio di mesi fa. E' una vicenda un pò contorta, originata dalla gara indetta prima del lockdown di fine inverno, al quale hanno partecipato tre società del settore, concluso con la graduatoria che assegnava il primo posto alla cuneese Tecno World Group. Ma la FGS, seconda, si era opposta chiedendo l'annullamento degli atti conseguenti all'apertura delle buste. E il Tar aveva accolto il ricorso (sostenendo, in pratica, che non una sola bensì tutte le offerte ammesse avrebbero dovuto essere escluse per questioni di requisiti relativi ad aspetti tecnici), mentre la commissione giudicatrice le aveva poi negato la possibilità di subentrare alla vincitrice, in quanto un modello di switch a 8 porte proposto era stato ritenuto «non conforme a quanto richiesto nella relazione specialistica» del progetto. Da qui la decisione, a Palazzo Bellevue, di premere il tasto «reset» per indire un nuovo appalto. Scelta impugnata dalla FGS, la quale si è vista respingere il ricorso dal Tar. Tuttavia non si è arresa, rivolgendosi al Consiglio di Stato. Che, in prima battuta, ha rigettato la richiesta di sospensiva perché non ci sono «estrema gravità e urgenza richiesta dalla norma processuale». I giudici romani si sono riservati di entrare nel merito «sulle censure relative alla contestata difformità dell'offerta tecnica» presentata dalla società in questione. Ora si attende la fissazione dell'udienza.E nel frattempo? Il settore lavori pubblici, diretto dall'ingegnere Danilo Burastero, fa capire che l'iter del nuovo appalto sarà avviato a prescindere dai tempi del Consiglio di Stato. Anche perché l'Amministrazione è stata costretta a prolungare la polizza fideiussoria a garanzia del finanziamento da 355 mila euro concesso a suo tempo dal Ministero dell'Interno tramite la Prefettura. -

Foto: Più sicurezza con le telecamere