scarica l'app
MENU
Chiudi
19/12/2020

Gallarate-Terminal 2: si parte Aperta la gara per l ‘ appalto

La Prealpina

DA I DA I BINARI BINARI ALLA ALLA P I S TA P I S TA
La Regione pubblica il bando. Ma rimane l ' incognita dei ricorsi
Lo stesso giorno in cui su queste colonne l ' assessore a Infrastrutture, trasporti e mobilità sostenibile di Regione Lombardia, Claudia Terzi, spiegava che «Ferrovienord conferma il rispetto del termine in quanto prevede che l ' aggiudicazione dell ' appalto avverrà a maggio 2021 e l ' avvio dei lavori a gennaio 2022», è stato effettivamente pubblicato il bando per la progettazione esecutiva e l ' esecuzione dei lavori del collegamento tra Gallarate e il Terminal 2 di Malpensa. La gara è aperta da ieri. Nel maggio del prossimo anno partirà, salvo intoppi burocratici, l ' intervento di bonifica della zona interessate dal progetto di collegamento ferroviario che consiste in 4,6 chilometri di nuovo tracciato verso Gallarate più 1,1 di raccordo verso Casorate Sempione. Costo stimato per l ' opera oltre 211 milioni di euro. Ma quali potrebbero essere gli intoppi burocratici citati? Sul tracciato incombono due appelli al Tar, dopo aver espresso parere negativo in sede di conferenza dei servizi hanno presentato il proprio ricorso l ' amministrazio ne comunale di Casorate e Legambiente. Se però è impensabile ipotizzare i tempi per il responso del Tribunale amministrativo regionale, ed è comunque difficile credere questo arrivi entro il previsto inizio della bonifica, molto diverso è il discorso su quanto è pronto a fare il Parco del Ticino: essendo proprietario di alcuni terreni oggetto di esproprio, è intenzionato a presentare tramite il proprio legale un ' istan za di sospensione cautelare. Scenario che sta valutando anche l ' amministrazione di Casorate che, come dichiara il sindaco Dimitri Cassani: «Sulla ferrovia ci sono margini quantomeno per la riapertura del dibattito sulle compensazioni a nostro giudizio non conformi. Eravamo consapevoli che il nostro ricorso non congelasse l ' opera, anche se far partire i lavori adesso vista la situazione pare poco produttivo meglio investire sulle linee già attive». Uscendo dal gergo giuridico, il passo che ha in mente il Parco consiste nella richiesta di poter attendere la decisione finale sul ricorso prima di intaccare irreparabilmente la brughiera. Se infatti venisse confermata la tesi del danno irreparabile avanzata dall ' ente sovraprovinciale come potrebbero scattare anche soltanto i lavori preliminari dell ' opera? La Gallarate-T2, quindi, fa un passo in avanti, ma resta in bilico e con lui anche un cronoprogramma che prevede il suo completamento entro il dicembre del 2024. Non è certo un problema la copertura finanziaria che è confermata. Ed è così distribuita: oltre al finanziamento dell ' Unione Europea per l ' esecuzione dei progetti preliminare e definitivo, fanno raggiungere la quota della realizzazione gli 80 milioni di euro del Patto per la Lombardia, i 63 di Bruxelles confluiti tramite il programma europeo per i progetti di mobilità, i 55 del ministero delle Infrastrutture, gli 11 all ' in terno del Piano Marshall lombardo e infine il milione di Sea (azienda che gestisce proprio l ' aeroporto di Linate e Malpensa). Mattia Boria © RIPRODUZIONE RISERVATA