scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
05/12/2020

Due caldaie nuove e tanti restyling

La Prealpina

Edifici comunali: si punta al taglio netto della bolletta del gas. Pesa l ' età degli immobili
Caldaia nuova sia a Palazzo Borghi sia a Palazzo Broletto, ma è su tutti gli edifici di proprietà comunale che l ' ammi nistrazione punta a mettere in atto interventi che li rendano più efficienti dal punto di vista del consumo energetico. Per tagliare la maxibolletta da 2 milioni di euro circa che ogni anno il Comune paga per il solo gas. I due nuovi apparecchi montati di recente nelle sedi del municipio sono il bonus frutto di un appalto arrivato al termine per la gestione complessiva del comparto calore. E all ' indomani delle rimostranze di alcuni genitori per il freddo patito dai figli il lunedì mattina in un istituto scolastico cittadino, l ' assessore ai Lavori pubblici, Sandro Rech, puntualizza: «Mettendo insieme i soldi di tutti gli interventi necessari per rendere completamente efficienti le scuole esistenti si arriva alla somma che servirebbe per costruire un edificio nuovo. Lo scorso anno abbiamo cambiato i serramenti alle Majno, quest ' an no alle Manzoni, il prossimo vedremo». La sostituzione degli impianti al Broletto e a Palazzo Borghi è avvenuta in relazione all ' appalto per la loro gestione, in virtù del quale a fine percorso il Comune si è ritrovato con le nuove strumentazioni. Anche perché le vecchie non erano più in grado di rispondere alle esigenze delle strutture. L ' idea è che i nuovi apparecchi permettano di tagliare i consumi e di conseguenza le spese, un po ' come sta accadendo per l ' illuminazione pubblica. Che con l ' avvio del programma di ammodernamento della rete dovrebbe registrare una bella sforbiciata ai costi passando - secondo le previsioni del Comune - da gli oltre 2 milioni a bilancio in passato ai 630mila euro ipotizzati per il 2021. Non è soltanto sulle caldaie, tuttavia, che si ragiona in ambito amministrativo per tagliare la bolletta legata al riscaldamento. Tutta una serie di interventi di coibentazione e isolamento termico sono in cima alla scala delle priorità del municipio, che è alla ricerca di finanziamenti e bandi per riuscire a raggiungere il risultato. Chiaro: una cosa è provarci, un ' altra è avere la certezza di portare a casa i soldi che servono per fare gli investimenti. Gli uffici comunque lavorano nella direzione di ottenere quanti più risultati possibile in termini di efficientamento energetico di scuole e stabili comunali. Quanto alle caldaie, non si può dire che quelle oggi montate negli istituti siano obsolete. È evidente però che debbano scaldare locali concepiti con metodi costruttivi di decenni passati. Elisa Ranzetta © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: PIANO PIANO ENERGETICO ENERGETICO


Foto: Il riscaldamento di sedi e scuole legato pure a interventi strutturali Impossibile cambiare tutti i generatori: si migliorano


Foto: 2


Foto: A Palazzo Borghi e a Palazzo Broletto sono in funzione a p p a re c c h i installati da poco


Foto: l I MILIONI Il costo annuale della bolletta del riscaldamento di tutti gli edifici comunali ammonta a 2 milioni di euro: una spesa notevole che si vuole ridurre


Foto: Le due sedi principali del Comune, Palazzo Broletto e Palazzo Borghi (sopra il titolo), sono dotati di nuovi generatori di calore (foto Blitz)