scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/12/2020

Domande Erap solo online, è ancora muro contro muro tra Cisl e Comune

QN - Il Resto del Carlino

«L'assessore al Welfare ritiri il bando per l'assegnazione delle case popolari». La richiesta arriva dalla Cisl Fano che non molla sulla decisione dell'Amministrazione comunale di consentire l'accesso al bando attraverso la procedura Spid (Sistema pubblico di identità digitale) evitando, così, la consegna cartacea delle domande. «Il bando - scrive la Cisl Fano sul suo profilo Instagram - è difforme dal regolamento comunale che sarà modificato nel consiglio comunale dell'11 dicembre». E ancora: «Una scelta incomprensibile che danneggia le fasce più deboli della popolazione fanese. L'assessore si fermi, ritiri il bando attuale che è difforme dal regolamento comunale». Sull'incongruenza «tra la modalità di accesso al bando tramite Spid scelta dall'Amministrazione e il regolamento comunale ancora in vigore che prevede la consegna cartacea della domanda» insiste anche la consigliera di opposizione Lucia Tarsi. La Cisl nei giorni scorsi aveva sollevato un'altra preoccupazione: «La scelta di utilizzare esclusivamente lo Spid porterà centinaia di persone a riversarsi negli uffici postali per completare le procedure, con problemi di assembramento e di rilascio che arriveranno il prossimità della scadenza del bando». Da qualche giorno, però, l'assessorato al Welfare per andare incontro ai cittadini poco informatizzati ha messo a disposizione un servizio di assistenza tecnica al FabLab della Rocca Malatestiana. Gli ultra 65enni in difficoltà nell'acquisizione delle credenziali Spid potranno prenotarsi telefonando al 3391876499. an. mar.