scarica l'app
MENU
Chiudi
22/12/2020

Da Palazzo Chigi soldi alle città

La Gazzetta Del Mezzogiorno

L'ANNUNCIO IL BANDO LANCIATO DALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO È DESTINATO A COPRIRE LE SPESE DI PROGETTAZIONE PER IL RECUPERO DEI MANUFATTI PUBBLICI
Il sottosegretario Turco: finanziati i progetti «City branding» di Taranto, Foggia e Barletta
MIMMO MAZZA l TARANTO. Ci sono anche 3 città pugliesi tra le 31 città capoluogo selezionate che accedono al finanziamento del bando «Italia City Branding». Si tratta di Taranto, Foggia e Barletta. L'annuncio ufficiale è stato dato ieri nel corso di una conferenza stampa dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Programmazione economica e agli investimenti, il senatore Mario Turco. Il bando curato dalla Presidenza del Consiglio e dalla struttura di missione Investitalia prevedeva di premiare 20 città ma il numero è lievitato in considerazione della qualità dei progetti pervenuti, dell'entità del contributo richiesto e della dotazione finanziaria disponibile. «Il bando sulle Città Medie - ha spiegato il sottosegretario Mario Turco - è stato particolarmente innovativo perché anticipa e accelera la programmazione economica finanziando da subito la fase progettuale, in modo da avere un portafoglio di progetti immediatamente cantierabili. In questo modo, abbiamo modificato la metodologia di programmazione economica degli investimenti pubblici, impegnando le risorse disponibili in un numero elevato di progetti, ed evitando di vincolare per decenni ingenti risorse su pochi interventi. Stringenti saranno anche i tempi previsti per la conclusione della progettazione, variabili tra i 4 e i 28 mesi». Il bando «Italia City Branding» è stato proposto dalla struttura di missione InvestItalia della Presidenza del Consiglio dei ministri il 3 novembre scorso, con tempi brevi di valutazione delle domande pervenute pari a soli 23 giorni. Sono state 17 le Regioni che hanno aderito, a fronte di 60 città capoluogo che hanno partecipare al bando. «La vera novità - ha aggiunto Turco - sta nel fatto che partendo da un finanziamento complessivo di 23,6 milioni di progettazione (di cui 3,6 milioni a carico dei Comuni), saranno realizzati investimenti per un totale di 339 milioni di euro. Gli ambiti d'in vestimento saranno diversi e precisamente: recupero di manufatti e aree dismesse; aree mercatali; aree verdi o di interesse economico-culturale; sviluppo di infrastrutture turistiche a basso impatto ambientale; infrastrutture e servizi per l'internazionalizza zione dell'offerta culturale e sportiva;sviluppo del territorio attraverso infrastrutture e servizi nel settore della ricerca e dell'innovazione tecnologica. Durante la fase di elaborazione della progettazione degli interventi, i Comuni selezionati saranno supportati da Investitalia. Il bando aveva alcuni obiettivi - ha aggiunto l'esponen te di Governo - come aumentare l'at trattività dei territori, valorizzare gli aspetti maggiormente identitari del tessuto produttivo, culturale e sociale, rafforzare la capacità delle amministrazioni di operare nel settore. È da ritenersi significativo, infine, il dato emerso - ha concluso il sottosegretario - in termini di partecipazione al bando ma anche di accesso ai contributi per macroaree (Nord, Centro e Sud) i comuni del Mezzogiorno ottengono più contributi dimostrando di poter essere altamente competitivi». Il bando finanzia a Taranto il progetto del Comune denominato «Taranto Green & Blue - Parco del Mediterraneo alla Salinella», per un importo di 880mila euro da destinare alla progettazione, che dovrà realizzarsi in 42 mesi, prevedendo una importante infrastruttura verde in grado di fornire servizi ecologici ed ecosistemici alla collettività. Il progetto prevede la realizzazione di interventi presso un'am pia parte già urbanizzata del quadrante urbano sud-orientale di Taranto, con l'edificato del quartiere Salinella: parco sportivo a Nord (30 ettari); parco della Salina Piccola a Sud (40 ettaro), da costituirsi con un'azione di rinaturalizzazione integrata alla messa in sicurezza idraulica; recupero di edifici dismessi; recupero di attrezzature sportive (stadio, campo di atletica, pattinodromo, palestra) che saranno destinate alle attività dei Giochi del Mediterraneo del 2026. Le aree verdi attrezzate per lo sport e per il tempo libero saranno realizzate recuperando le aree abbandonate e gli edifici dismessi all'interno dell'area urbana.

Foto: ITALIA CITY BRAND 2020 Il sottosegretario Mario Turco