scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
12/12/2020

Centro Nuoto La nuova gestione è un affare per tre

La Stampa - R. MAG.

La commissione del Comune apre le buste In palio un appalto triennale da 115 mila euro IL CASO
Al vaglio le candidature di Acqua Fit, Inn.Nova e Pralino Sport
Vercelli conoscerà il 22 dicembre il nome della società che gestirà per i prossimi 3 anni il Centro Nuoto in fase di conclusione. L'altro giorno, dopo una serie di rinvii, si è potuta riunire la commissione che ha il compito di analizzare le offerte arrivate in piazza Municipio per la gestione della vasca estiva dell'impianto di via Baratto a seguito della pubblicazione, da parte del Comune, del secondo bando. Sono state tre le manifestazioni di interesse che si sono trasformate in offerte: la prima è la AcquaFit di Casale Monferrato, che gestisce da alcuni anni anche la piscina estiva all'ex Enal; la seconda è la ditta Inn.Nova di Adria, in provincia di Rovigo, e la terza è la Pralino Sport, con sede a Sandigliano, nel Biellese. Sono tre delle sette candidature arrivate inizialmente a Palazzo di Città: di queste, tre sono diventate offerte, le altre sono rimaste al palo. La commissione ha valutato nel dettaglio le singole proposte e si riaggiornerà tra poco meno di due settimane: entro Natale i vercellesi avranno in regalo il nome del nuovo gestore dell'impianto al Concordia almeno per i prossimi 3 anni, e non 15 come avevano prospettato dall'amministrazione comunale nel primo bando, andato poi deserto. Il valore del contratto non è più di 7 milioni di euro ma di 115.000 per il triennio (con l'opzione di prorogare per un altro anno) e la facoltà al concessionario di creare nella struttura un punto ristoro; inoltre il Comune aveva anche rimodulato la modalità di affidamento della struttura, tramutandola da concessione a appalto di gestione. Un primo bando andato deserto, la quarantena a cui si sono dovuti sottoporre alcuni funzionari del municipio e in generale questioni legate alla pandemia hanno fatto slittare l'iter di affidamento di quasi un mese. Nel frattempo la giunta Corsaro prosegue nel completamento della struttura semitrasparente che copre l'ex piscina estiva comunale di via Baratto: una volta terminato il guscio e le ultime rifiniture all'impianto, si sta procedendo all'acquisto degli arredi per gli spogliatoi, appena concluso con una ditta di Milano. Prima del taglio del nastro, previsto inizialmente a dicembre 2020 ma ormai slittato, si procederà con il collaudo della vasca e dei vari impianti di gestione dell'acqua. Nel frattempo il Comune si è proposto di candidare entro il 31 dicembre il progetto di abbattimento del vecchio Centro Nuoto al bando Sport Missione Comune 2020. - © RIPRODUZIONE RISERVATA