scarica l'app
MENU
Chiudi
03/12/2020

CARMIGNANO DI BRENTA (m.c.) Vicini agli operatori,…

Il Gazzettino

CARMIGNANO DI BRENTA
(m.c.) Vicini agli operatori, e non solo del proprio Comune, con uno stanziamento contributivo a fondo perduto di 80 mila euro. Un'importante azione quella dell'Amministrazione comunale guidata da Alessandro Bolis. È possibile presentare l'apposita domanda fino alle 12 di venerdì per accedere al nuovo bando denominato Progetto Emergenza.
Il provvedimento stanzia ulteriori finanziamenti destinati a soggetti economici del territorio in sofferenza a causa dell'emergenza Coronavirus. Riguarda medie strutture non alimentari con superficie maggiore di 250 metri quadrati ed inferiore a 1.500 metri quadrati, artigiani e lavoratori autonomi non iscritti ad una cassa professionale il cui codice Ateco impediva di esercitare l'attività, palestre e scuole di ballo e-o danza e similari, agenzie di viaggio ed ambulanti. «Con questo bando sosteniamo altre categorie di imprenditori escluse dalla precedente azione di supporto, che avevano comunque subito gravi conseguenze economiche spiega il primo cittadino Un ristoro significativo alle nostre categorie produttive e al commercio, colonna portante della nostra comunità».
Al bando precedente avevano avuto accesso negozi sotto i 250 metri quadrati, i pubblici esercizi, le imprese artigiane di servizi alla persona e le attività di ristorazione senza somministrazione. «Abbiamo ricevuto 51 domande, di queste ne sono state ammesse 42 e sono stati già erogati 38 contributi per somme da 900 a 2.500 euro. Quattro sono ancora in istruttoria spiega l'assessore Raffaella Grando Il nuovo bando prevede contributi a fondo perduto una tantum di 1.500 euro se l'attività è in un immobile in proprietà, 2.500 se in locazione».
Attenzione: la domanda deve essere spedita preferibilmente mediante posta elettronica certificata all'indirizzo Pec del Comune: carmignanodibrenta.pd@cert.ip-veneto.net, oppure inviata in busta chiusa direttamente all'ufficio protocollo del Comune. Non è ammesso l'invio per posta elettronica ordinaria.
© RIPRODUZIONE RISERVATA