scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/12/2020

Bando imprese in commissione si consuma un altro strappo

Il Gazzettino

COMMISSIONE
PORDENONE Le risposte ottenute in commissione Bilancio, riunita in seduta secretata, non soddisfano i gruppi di opposizione che ne avevano chiesto la convocazione e che ora, sulla gestione del Bando Impresa i20aPN annunciano la volontà di chiedere l'avvio di una indagine conoscitiva per fare chiarezza. L'obiettivo della Commissione - ricorda Samuele Stefanoni (M5S) - era quello di comprendere le motivazione di un doppio incidente causato dal sindaco Alessandro Ciriani: uno politico, con l'assessore Guglielmina Cucci, in quota Forza Italia, che per essere ricucito ha avuto la necessità di un vertice a livello regionale; l'altro amministrativo, con la dirigente del Comune di Pordenone Federica Brazzafolli, sollevata dall'incarico di responsabile del procedimento amministrativo. In entrambi i casi le esternazioni di Ciriani non ci hanno convinti e apparivano in linea col conosciuto e sempre discutibile metodo dell'imputare in modo infantile sempre ad altri le responsabilità di ciò che non funziona.
La Commissione - prosegue Marco Salvador (Pordenone 1291) - non solo non ha chiarito i nostri dubbi, ma sono emerse dichiarazioni che ci sono apparse contraddittorie da parte dell'assessore Cucci e del segretario generale rispetto a quanto dichiarato finora dal sindaco. Oltre alla mancanza di elementi che possano realmente presupporre una accelerazione dei tempi di erogazione dei contributi promessi, non abbiamo potuto audire alcuni attori fondamentali di questa vicenda, che il presidente della Commissione ha evidentemente preferito non invitare, l'architetto Brazzafolli e le categorie economiche in primis. Conclude Nicola Conficoni (Pd): Al fine di poterli sentire e raccogliere ulteriori elementi, chiederemo l'avvio di una indagine conoscitiva ai sensi dell'articolo 72 del Regolamento del Consiglio comunale. Poiché l'iniziativa del sindaco scaturisce dalle proteste dei commercianti, infine, faremo una ulteriore richiesta di accesso agli atti.
L.Z.
© RIPRODUZIONE RISERVATA