scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/12/2020

«Appalti trasparenti e lavoro tutelato»

La Prealpina

LEGALITÀ Via al confronto tra amministrazione comunale e sindacati per arrivare alla definizione di un protocollo
Tra gli obiettivi c ' è anche la limitazione della filiera delle sub-assegnazioni
Ieri mattina il primo incontro in municipio ( Pubblifoto ) LEGNANO -(l.naz.) Tutelare il Comune circa la serietà delle aziende vincitrici di appalti e al tempo stesso garantire qualità e tutela del lavoro. Questi gli obiettivo del confronto (ieri si è svolto il primo incontro) fra il sindaco Lorenzo Radice e i rappresentanti territoriali di Cgil, Cusl e Uil, Jorge Torre, Giuseppe Oliva e Stefano dell ' Acqua. Lo scopo è arrivare alla sottoscrizione di un protocollo per l ' accreditamento o l ' affidamento di lavori, servizi e forniture. «Lo scorso settembre durante la campagna elettorale mi ero impegnato, nel caso fossi stato eletto sindaco, a sottoscrivere il " Protocollo sulla legalità degli appalti " » ha ricordato Radice: «Questo primo passo era quindi atteso da me in vista dei tanti e importanti lavori pubblici che questa amministrazione ha in progetto per la città. Vogliamo cominciare con il piede giusto, impostando tutti gli appalti secondo un certo modello e con garanzie che dovrebbero essere la normalità, ma che, purtroppo, non lo sono sempre. Riconoscere al lavoro la dignità che merita è un dovere e una responsabilità di cui chi amministra la città deve farsi carico». «È importante aver avviato il confronto anche con il Comune più grande dell ' area omogenea hanno fatto eco Torre, Oliva e Dell ' Acqua - e importante è la disponibilità del sindaco ad inserire nel protocollo, tra le clausole per la tutela dei lavoratori, l ' applicazione dei contratti nazionali, clausole che garantiscano il passaggio dei lavoratori interessati nell ' azienda subentrante alle medesime condizioni economiche, contrattuali, di tutela reale; e per limitare il più possibile la filiera dei subappalti». Per ora il lavoro è cominciato con la condivisione degli obiettivi generali: garantire regolarità, sicurezza, trasparenza e qualità del lavoro a ogni livello della filiera; utilizzo del criterio dell ' offerta economicamente più vantaggiosa nelle gare, nelle procedure di accreditamento e affidamento diretto; inserimento, negli atti di gara e di altre procedure, di alcune clausole vincolanti per le aziende aggiudicatarie; impegno del Comune a dare come indirizzo che anche le aziende controllate o partecipate recepiscano i contenuti del documento. Il confronto fra amministrazione comunale e sindacati proseguirà nelle prossime settimane. © RIPRODUZIONE RISERVATA