scarica l'app
MENU
Chiudi
16/12/2020

Appalti milionari e bandi ritirati Fiadel attacca Etra «Cosa c’è dietro?»

Il Mattino di Padova - Silvia Bergamin

Pubblicate 2 gare e cancellate dopo quattro giorni perché prive di autorizzazioni La multiutility spiega: «Errori nella procedura, rimediamo» Cittadella
CITTADELLAAppalti per 20 milioni di euro pubblicati da Etra e poi ritirati per un errore nella procedura. Così il sindacato Fiadel incalza la multiutilities di acqua e rifiuti: «Appalti non trasparenti, chiediamo spiegazioni». La Fiadel ha deciso di sollevare la questione «dopo ripetute segnalazioni da parte di aziende partecipanti alle gare di appalto pubblico per la fornitura dei nuovi contatori statici per l'Altopiano di Asiago», si legge in un comunicato. Le perplessità sono maturate intorno alla gestione di due bandi di gara pubblicati all'inizio di questo mese per l'importo complessivo di 20 milioni. Alcune aziende hanno concorso in maniera tempestiva, alla ricerca di un'opportunità. Il problema è che «dopo quattro giorni dalla pubblicazione», insiste Fiadel, «Etra si è accorta che il bando non era autorizzato e lo ha revocato, vanificando le domande pervenute. Com'è possibile che una multiutility come Etra possa pubblicare bandi di gara senza le opportune autorizzazioni? Si tratta puramente di mala gestione organizzativa o c'è dell'altro?».La Fiadel fa notare che «bandi con importi così ingenti sono soggetti ad autorizzazioni dei sindaci dei Comuni soci, veri proprietari dell'azienda, e del Consiglio di gestione. Invitiamo le autorità competenti a fare chiarezza. Etra è di tutti i cittadini e bisogna salvaguardarla da eventuali volontà di privatizzazione».In merito alla questione dei bandi revocati, la società Etra replica con una nota facendo sapere che «effettivamente era stato riscontrato un errore nell'applicazione della procedura da parte degli uffici. Non appena ci si è accorti dell'errore, i bandi sono stati ritirati, in autotutela. Sarà risistemato al più presto il corretto iter e i bandi verranno ripubblicati». --Silvia Bergamin