scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/12/2020

Altri 4 milioni per sostenere il distretto calzaturiero

Corriere Adriatico

La Regione rimodula i finanziamenti a favore dell'area di crisi
L'ECONOMIA
MACERATA Oltre 4 milioni di euro di nuove risorse per l'Accordo di programma area di crisi industriale complessa dalla distretto pelli-calzature fermano-maceratese . Lo annuncia l'assessore regionale al Bilancio Guido Castelli dopo l'approvazione da parte della giunta della rimodulazione del cronogrammma finanziario per il 2021 e il passaggio in consiglio dell'assestamento di bilancio.
«Sono due le novità principali spiega Castelli -: incrementiamo le risorse per oltre 2 milioni di euro per il bando già uscito relativo agli investimenti produttivi delle imprese e stanziamo circa altri 2 milioni di euro per l'attivazione delle misure Fesr inerenti la digitalizzazione delle imprese e la trasformazione dei processi produttivi. Il bando uscirà nei primi mesi del 2021. In questo modo potremo finanziare più progetti e venire incontro alle richieste delle associazioni di categoria e del territorio che avevano espresso la necessità di bandi a scadenza non troppo ravvicinata. L'auspicio è quello di infondere nuova linfa a sostegno del tessuto produttivo del Fermano Maceratese che, oltre a un periodo di crisi economica strutturale, si trova ad affrontare anche le problematiche della pandemia».
Le risorse
In particolare, sul bando pubblicato ad agosto con scadenza 7 ottobre scorso a sostegno degli investimenti, e finanziato con fondi del bilancio regionale, il provvedimento prevede l'incremento delle risorse da 4,95 milioni di euro originari a 5.948.490 (la dotazione disponibile sul bando arriverà a 7,1 milioni con l'operazione prevista in assestamento). Ciò consentirà di finanziare un numero più elevato di progetti, considerato che sono pervenute 90 richieste per 34 milioni di investimento e 13 milioni circa di contributi potenziali erogabili. Il bando finanzia progetti da 100mila a 800mila euro di investimento e con un contributo a fondo perduto pari al 40% con il regime del quadro temporaneo Covid approvato dalla Commissione europea lo scorso marzo e attualmente prorogato al 30 giugno 2021. Si prevede inoltre, che nel caso ci siano nuove risorse disponibili, queste vengano dirottate a beneficio di questa procedura.
L'accordo tra ministero dello Sviluppo economico, Invitalia, Anpal, Ministero delle Infrastrutture, Regione, Province di Macerata e Fermo sottoscritto il 22 luglio scorso incentiva strategie di rilancio industriale e interventi operativi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA