scarica l'app
MENU
Chiudi
09/12/2018

Strisce blu e teatro: gare a rischio

Il Messaggero

Scontro in Comune per i due appalti i cui bandi sono incompleti
CASSINO
Nuovo scontro tra maggioranza e minoranza al comune di Cassino per due gare d'appalto a rischio a causa di bandi incompleti. Proprio alla vigilia del consiglio comunale sulla mozione di sfiducia al sindaco richiesto dall'opposizione.
Si tratta dei bandi di gara per la gestione delle strisce blu e del teatro Manzoni.
Al primo, alla scadenza, non ha risposto nessuna ditta ed è stato prorogato; mentre per il teatro Manzoni il bando rischia l'annullamento per la mancanza dei codici di gara.
Per le strisce blu il comune ha spostato il deposito delle offerte da parte delle ditte interessate dal 10 dicembre al prossimo 4 gennaio. E inoltre al bando sono state apportate delle modifiche a integrazione e completamento dei punti del contratto. La prima scadenza era stata fissata al 21 novembre scorso, ma un ricorso di una ditta per un documento di troppo richiesto, il comune aveva provveduto ad una proroga al 10 dicembre correggendo il bando. Adesso la stessa cosa. Bando da correggere per altre situazioni e per mancanza di ditte interessate.
NESSUNO È INTERESSATO
Ormai è una odissea, perché dal mese di aprile scorso , nessuna azienda del settore vuole gestire i parcheggi a pagamento a Cassino. Finora i bandi sono andati tutti a vuoto perché ritenuti poco remunerativi. Infatti nei bandi è sempre previsto, come clausola, la riassunzione dei 35 ausiliari del traffico licenziati il 31 marzo scorso dalla ditta Tmp (del napoletano) per fine contratto con il comune di Cassino. Da allora i 35 addetti sono in disoccupazione e attendono un nuovo gestore per la riassunzione. E non mancano le polemiche con il comune per la struttura del bando che non attira le ditte. Adesso bisognerà aspettare il prossimo 4 gennaio per conoscere le eventuali ditte intenzionate alla gestione dei 2.058 stalli. Infatti il Comune, per rendere più attrattivo il servizio, ha aumentato il numero degli stalli aumentando anche le tariffe e riducendo il proprio guadagno. Il bando è ora al vaglio della Stazione unica appaltante di Frosinone (Sua) alla quale il comune di Cassino ha inviato la documentazione per l'assegnazione dell'appalto. La concessione del servizio è fissata in 8 anni con una valutazione dell'occupazione degli stalli per un valore di 10 milioni e 400 mila euro. Per un anno l'incasso è stato stimato pari a un milione e 300 mila euro.
CAOS GRATTINI
Nell'attesa di una nuova gestione da alcune settimane si paga di nuovo la sosta auto ma con i grattini. Ma è caos perché i negozi rimangono spesso senza i tagliandi e non mancano le proteste degli automobilisti. Tanto che il comune si è visto costretto a non effettuare i controlli con i vigili urbani fin quando i negozi e i bar non saranno riforniti in maniera abbondante. Il Comune ha ordinato ben 85 mila grattini ad una tipografia. Se la distribuzione sarà completata si riprenderà a pagare la sosta da domani lunedi. Nei giorni festivi il parcheggio è gratis.
Invece, al bando del teatro è risultato mancante un codice di gara che accerta la tracciabilità della procedura. La conferma è arrivata dalla Stazione appaltante presso la Provincia che potrebbe richiedere l'annullamento e il rifacimento del bando. Sul caso il segretario provinciale della lista Lo Scarpone, Niki Dragonetti, ha presentato un esposto in Procura.
Domenico Tortolano