scarica l'app
MENU
Chiudi
13/11/2020

Stoppato l’acquisto del nuovo elicottero La Provincia prepara il bando di gara

Corriere dell'Alto Adige

Il Consiglio di Stato annulla le delibere: «No all'affidamento diretto»
La delibera della giunta provinciale per l'acquisto di un nuovo elicottero AW139 della Leonardo spa è stata definitivamente annullata dal Consiglio di Stato, che conferma la precedente sentenza del Trga di Trento. Il ricorso, promosso da Airbus Helicopter contro Provincia e Cassa Antincendi, nasceva dalla decisione di procedere con l'acquisto diretto, escludendo un bando a cui la ditta «concorrente» della Leonardo avrebbe volentieri partecipato. «Mettendo in conto questa sentenza - spiega il dirigente del Dipartimento Protezione Civile Raffaele De Col - abbiamo già predisposto il bando che attende il via libera della giunta». L'intenzione, quindi, è comunque quella di acquistare un nuovo elicottero, e forse di un «ricambio» dell'intera flotta. La necessità dell'acquisto, per riepilogare la viTRENTO cenda, era arrivata in conseguenza all'incidente sul monte Nembino, quando nel 2017 un mezzo della flotta trentina si schiantò sulla neve durante un'operazione di soccorso. Ma un elicottero non è un prodotto da banco - anche per i costi - e la decisione dell'acquisto arrivò soltanto nel 2019: «Di un elicottero modello AW139, prodotto dalla società Leonardo spa, con l'assegnazione di risorse finanziarie pari a euro 16.000.000». E questo, per la concorrente Airbus, non andava bene. Azienda che già in precedenza aveva impugnato una delibera analoga, respinta allora dal Trga di Trento ma riformata dal Consiglio di Stato: «Sul mercato esistono diversi altri modelli di elicotteri bimotore perfettamente idonei allo svolgimento delle missioni indicate, e tali modelli concorrono abitualmente in gare d'appalto in Europa e nel mondo». Ma allora, perché la Provincia di Trento ha deciso di perseverare nell'affidamento diretto alla ditta Leonardo per l'acquisto di un AW139? Per questioni «tecniche economiche ed operative». Questioni che per il Consiglio di Stato non sono però sufficienti: «Se il Nucleo elicotteri della Provincia avesse svolto un'effettiva e adeguata analisi comparativa - si legge infatti nella sentenza - avrebbero avuto modo di constatare che, a fronte delle medesime risorse finanziarie (circa 23 milioni di euro) stanziate per i prossimi tre anni per l'acquisto di un nuovo elicottero AW139, in via alternativa si sarebbe potuto scegliere di acquistare 2 elicotteri Airbus H145 nuovi di fabbrica, di ultima generazione, in grado di svolgere le missioni richieste a costi di acquisto (circa 8 milioni di euro cadauno) ed operativi nettamente inferiori». E sottolinea: «Oltreché notevoli risparmi economici, si sarebbe raggiunto l'enorme vantaggio operativo di conseguire la disponibilità di una flotta di ultima generazione, in linea con i più recenti standard tecnologici». Per questo motivo, la sentenza «annulla i provvedimenti impugnati». «Siamo pronti alla pubblicazione del bando - afferma De Col - ma aspettiamo la decisione della giunta». Quindi, ponendolo a gara, si procederà all'acquisto di un nuovo elicottero?«Sarà qualcosa di più articolato, che terrà conto dell'impostazione futura del Nucleo elicotteri». Questo fa pensare che l'acquisto non si limiti a un mezzo, ma alla revisione dell'intera flotta: «Nessuna anticipazione - dice De Col - aspettiamo il via libera della giunta». Donatello Baldo

Foto: L a flotta Il Consiglio di Stato ha stoppato l'acquisto dell nuovo Agusta