scarica l'app
MENU
Chiudi
04/07/2019

Stop all’inversione procedimentale

Il sole 24 Ore - Supplemento

Lo sblocca cantieri riforma gli appalti / Verifiche. Requisiti di qualificazione e tecnico-economie
La verifica dei requisiti di qualificazione e di quelli tecnico economici, all'indomani della conversione in legge (55/2019) del decreto sblocca cantieri (32/2019), perde la modalità accelerata (inversione) che era prevista dall'articolo 36, comma 5, del Codice appalti. Per comprendere l'innovazione occorre tener presente che l'obiettivo del rilancio del settore dei contratti pubblici è perseguito dal decreto sblocca cantieri 32/2019, rivedendo la disciplina dell'affidamento degli appalti di valore inferiore alla soglia di rilievo comunitario. Sotto la soglia comunitaria sono previsti lavori con procedura negoziata e un numero ridotto di operatori; per importi superiori sono previste procedure aperte, con un "f avor" per il criterio del minor prezzo nonché con obbligo di esclusione automatica delle offerte anomale. Corollario di tali accelerazioni erala facoltà di invertire le fasi procedimentali della gara, anticipando il risultato prima di verificare il possesso dei requisiti. Con la legge di conversione 55/2019 viene meno la facoltà di invertire alcune fasi procedimentali della gara e quindi non è più possibile anteporre la fase di esame delle offerte a quella di ver ifica dell'ammissibilità dei concorrenti. In concreto, questo è stato attuato dalla legge di conversione eliminando ilcomma5 dell'articolo 36 del Codice appalti 50/2016. La facoltà di anteporre l'esame delle offerte alla verifica dell'ammissibilità dei concorrenti rimane in generale prevista, per le procedure aperte, dall'articolo 56 comma 2 della Direttiva 2014/24 Uè ed era già presente nel Testo unico 50/2016 con riferimento ai settori speciali (articolo 133 comma 8). L'inversione procedimentale (consistente nella verifica dapprima di chi ha formulato la migliore offerta e, successivamente, dei requisiti dell'offerente) era peraltro già stata ritenuta rischiosa dai giudici amministrativi (Tar Toscana, sentenza 1391/2018), in quanto consentiva la conoscenza del contenuto delle offerte in modo tale da poter influire anche sulle deci sioni in merito all'ammissione de concorrenti alle procedure. Per esempio, tutte le volte che 1 stazione appaltante avesse un pò tere di apprezzamento discrezio naie dei motivi di esclusione (co me quelli in riferimento acasi di il lecito professionale), era possibile che sui requisiti vi fosse una volu ta, maggiore elasticità. Inoltre l'inversione procedimentale pò teva alimentare il contenzioso per che l'impresa esclusa per mancanza di requisiti poteva ritenere vantaggiosa la lite, in quanto gii sapeva di aver formulato la mi gliore offerta economica. Infine l'inversione procedimentale pò tevagenerare (incaso diesclusion successive all'aggiudicazione) ur ricalcolo della soglia di anomalia con relativi ampi contenziosi. Si è giunti così all'eliminazione nella legge 55/2019, del comma ; dell'articolo 36 del Tu 50/2016 con il risultato che la verifica de requisiti avviene comunque pri ma dell'individuazione dell'ag giudicatario. Oltretutto, l'applicazione congiunta dell'esclusione (con ricalcolo) delle offerte anomale e della prevedibilità delle of ferte potenzialmente aggiudica tane, avrebbe potuto suggerire alle imprese concorrenti più maliziose, la possibilità di accordi fun zicnali a modificare la soglia d anomalia delle offerte valide, pei esempio omettendo volutamene di fornire i documenti integrativ richiesti dalla stazione appaltante Conoscendo l'offerta dell'ag giudicataria potenziale, si potev: calibrare l'esibizione dei docu menti attestanti il possesso dei requisiti e così incidere sulla medi; delle offerte valide. Termina così l'esperienza (articolo 36, comma 5, del Tu 50/2016" dell'inversione procedimentak tra aggiudicazione e verifica de requisiti, collocando nella giust gerarchia prima la verifica dei re quisiti e poi l'aggiudicazione. La verifica dei requisiti farà or perno, con la corretta cronologia sull'articolo 80 del Tu 50/2016 ( cioè sulla autodichiarazione e sue cessiva verifica dei presuppost per partecipare alla gara. © RIPRODUZIONE RISERVAT