scarica l'app
MENU
Chiudi
29/10/2020

Stop agli allagamenti Assegnato l ‘ appalto per il tetto colabrodo

La Prealpina

Dopo tanti ritardi, iniezione di fiducia PALASPORT Le associazioni di volley e basket incrociano le dita: i lavori partiranno entro un paio di settimane
CARONNO PERTUSELLA - Addio allagamenti al palazzetto dello sport: è stato assegnato l ' appalto del rifacimento del tetto colabrodo, che per anni ha causato infiltrazioni che hanno compromesso le partite di volley e basket da disputare in casa. Un traguardo importante, che allenatori, dirigenti e giocatori di queste e altre società sportive attendevano da tempo. Basti pensare agli ultimi nubifragi, che avevano riacceso la protesta, con tutti che additavano il Comune per il peggiorare della situazione. Le complicazioni A dare la buona notizia è l ' assessore ai Lavori pubblici Giorgio Turconi: «È vero, ci sono stati ritardi - ammette - Del resto il progetto è molto complesso e, da ultimo, stavamo cercando un direttore lavori esterno, non avendo in municipio personale in grado di far fronte a questo carico di lavoro. Una volta identificata la figura cui affidare questo compito, è stato possibile assegnare l ' appalto». Quella del palasport è una vicenda che mette in luce tutti i limiti di una burocrazia assurda. Finanziata coi soldi del bilancio 2018, l ' opera avrebbe dovuto essere realizzata nell ' autunno dello stesso anno, ma poi è stata rimandata alla primavera 2019, quindi in estate. Erano stati stanziati i fondi, oltre 500mila euro, ma senza esito per problemi di personale in Comune e ritardi nell ' appalto da parte della centrale unica di committenza di Saronno. Poi l ' inghippo della nomina del nuovo direttore lavori, avvenuta la quale è stato possibile procedere con l ' appalto. Team fiduciosi Le associazioni sportive, soprattutto di volley e basket, sono finalmente fiduciose: pare proprio che entro fine mese, al più tardi a inizio novembre, il rifacimento del tetto cominci. Alfio Giussani, vice presidente e direttore sportivo del Caronno Pertusella Volley, incrocia le dita: «La nostra speranza è che l ' amministrazione approfitti del ritardato calendario del campionato, spostato di due settimane dalla Federazione - afferma - Comincerà il 21 novembre, quando per altro giocheremo fuori casa a Sant ' Antioco in Sardegna. Sarebbe bene che si portassero avanti coi lavori in quelle tre settimane, sfruttandole al massimo, così da consentirci di riprendere a ospitare le squadre avversarie in casa». Trasferte forzate Già, perché quando piove a dirotto bisogna spostarsi altrove, in altre strutture, o disputare le partite a " casa " degli avversari. A parlare chiaro è la carrellata di foto dei secchi posti in campo, del parquet bagnato da pozze d ' acqua, dei corridoi e spogliatoi allagati: «Immagini che non vorremmo più rivedere - auspica Giussani - Speriamo che le parole dell ' amministrazione diventino realtà, alleviando tutte le sofferenze patite negli anni per utilizzare questo impianto». Stefano Di Maria © RIPRODUZIONE RISERVATA Secchi e stracci erano diventati presenze abituali per arginare le infiltrazioni (Blitz)