MENU
Chiudi
03/11/2018

Stanziati i finanziamenti per completare i lavori al museo castello

La Gazzetta Del Mezzogiorno

MANFREDONIA IL BANDO È STATO RIFATTO, I LAVORI DOVREBBERO INIZIARE NEL 2019
l MANFREDONIA. C'è un bando per la realizzazione delle opere di completamento della ristrutturazione del museo nazionale archeologico di Manfredonia allocato, come noto, nel castello svevo-angioino. Lo ha emanato il segretariato regionale per la Puglia del Ministero dei beni e delle attività culturali. Si tratta del secondo lotto di lavori finalizzati alla valorizzazione funzionale e di adeguamento impiantistico del museo archeologico nazionale. Complessivamente poco meno di un milione e mezzo di euro per l'esecuzione di lavori di restauro architettonico, opere impiantistiche, lavori di allestimento e arredi, servizi e forniture (editoria, multimediale, pannellistica, eccetera). E' indubbiamente un punto fermo nella per certi versi "misteriosa" vicenda dei restauri cui è stato sottoposto la sede del museo iniziati orsono quattro anni, tanti quanti è rimasta chiusa quella struttura museale che custodisce, tra le altre collezioni di reperti archeologici, le famose stele daunie. Un periodo che dovrà essere necessariamente prolungato almeno di un altro anno, il tempo stabilito dal bando per l'esecuzione delle opere. Sempre che il bando vada a buon fine. E si perché, si è scoperto, che il bando emanato il 15 ottobre scorso con scadenza delle offerte di partecipazione il 29 novembre prossimo, è il secondo di un precedente bando emanato sempre dallo stesso segretariato regionale per la Puglia del Mibac, il 30 marzo 2018 ma annullato il 10 maggio successivo pare per dei problemi amministrativi che sarebbero stati corretti nella seconda versione del bando. Se non dovessero intervenire altri intoppi, a fine mese di novembre sapremo se il bando sarà stato aggiudicato. Nulla è dato sapere circa l'agibilità dell'intero complesso abbaziale di San Leonardo del quale aperto al pubblico è solo la chiesa: tutto il resto è off-limits. Le opere strutturali sono state completate, manca l'allestimento dei vari ambienti. La data prevista per l'inaugurazione è pertanto destinata ad essere procrastinata. Anche l'area archeologica di Siponto è da completare. E' previsto un secondo lotto di interventi che dovrebbero interessare il restauro di alcuni tratti di reperti emersi e di mura della città medievale. Della Siponto antica è visibile solo una piccola e limitata parte: c'è molto da valorizzare già emerso e tant'altro da portare alla luce. Sono decenni che se ne parla e in qualche occasione promesso, ma non si è fatto mai nulla. A parte dei saggi da parte dell'archeologa Laganara della Università di Bari. L'area di Siponto è una miniera archeologica che andrebbe indagata con attenzione scientifica ben diversa da quella alquanto criticata dedicata negli ultimi tempi. Michele Apollonio

Foto: Il castello che ospita anche la sede del museo nazionale archeologico di Manfredonia

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore