MENU
Chiudi
02/10/2018

Stadio, Olimpiadi, Befana, cavalli Tutti i niet della sindaca romana

Il Tempo - Fernando Magliaro

Quante occasioni mancate, quanti soldi buttati. Di gara in gara la Capitale si è fermata
L'ippodromo Il gestore storico impigliato nelle regole del M5Stelle Gli altri stop Torri dell'Eur, Fiera di Roma caserme e Mercati generali
• La madre di tutti i «no» fu il rifiuto di far correre Roma come città candidata a ospitare i Giochi Olimpici del 2024. Una decisione che venne assunta da Virginia Raggi insieme all'allora suo vicesindaco, Daniele Frongia, e, dai due, illustrata alla città di fronte a una claque plaudente di grillini entusiasti. Era il settembre 2016, la Raggi si era insediata da poco ma, fra campagna elettorale e primi provvedimenti, s'era capito che arrivava una ventata di stop assoluti. Il mantra da ripetere è quello delle gare d'appalto ma è un ritornello sempre più stantio che convince solo i fan sfegatati 5Stelle sui social network, tra l'altro quasi mai residenti a Roma. «Facciamo gare d'appalto», «mettiamo a gara». Almeno per gli eventi. E, così, di gara in gara, la città si è fermata. Nel mondo sportivo, la mazzata arriva con un «uno-due» micidiale: la Maratona di Roma da togliere assolutamente a Castrucci, storico organizzatore considerato troppo vicino al Partito Democratico, e il nuovo regolamento sugli impianti sportivi comunali, predisposto dal presidente della Commissione Sport, Angelo Diario. In mezzo a questa gragnuola di colpi, ci finisce la Maratona e, subito insieme, Capannelle. La Maratona dovrà organizzarla l'ente terzo, in questo caso la Federazione sportiva di Atletica leggera (Fidal): l'ordalia punitiva nei confronti dell'organizzatore tradizionale si è arenata di fronte a un bando di gara trascinato dinanzi al Tar e, tribunale a parte, comunque con gli uffici non in grado di assegnarlo per tempo. Per cui, l'edizione 2019 - che è ancora a rischio stop visto che i giudici amministrativi ancora non si sono pronunciati sarà salvata solo per l'intervento della Fidal che già pregusta un'assegnazione diretta dell'organizzazione anche per il 2020. Capannelle, poi, è un altro capolavoro. Parliamo del più grande impianto sportivo di proprietà del Campidoglio. A Capannelle ci corrono i cavalli e il gestore storico, la Hippogroup, è rimasta impigliata nelle maglie della poca avvedutezza del nuovo regolamento voluto dai 5Stelle. Il Regolamento prevede, a differenza di quanto avveniva in passato, che non si possano più concedere le proroghe delle concessioni in maniera (quasi) automatica sulla base delle migliorie fatte dai gestori. Quindi, mentre prima il gestore proponeva lavori di miglioria al Comune che, approvandoli, prolungava automaticamente la concessione (c'era una vera e propria tabella per queste prolungamenti), ora viene tutto azzerato. E pazienza se ci sono lavori già pagati ma bloccati per la farraginosità del meccanismo approvativo del Comune. Quindi, si apre lo scontro fra Campidoglio e Capannelle. Anche qui, ricorsi al Tar che spaventano talmente tanto gli uffici comunali che sospendono l'efficacia del provvedimento di riacquisizione dell'Ippodromo al patrimonio comunale (per metterlo poi a gara) in attesa che il Tribunale si pronunci. Intanto, però, la Hippogroup finisce automaticamente per diventare un occupante abusivo, tanto che il Ministero delle Politiche Agricole revoca le autorizzazioni per le corse di trotto e galoppo a Capannelle che, quindi, bloccano l'attività. Corsa del Campidoglio a metterci una pezza a colori, l'ennesima, con una lettera a Ministero in cui conferma la validità, fino a sentenza Tar, del possesso di Hippogroup dell'impianto. Problemi analoghi, però, stanno per abbattersi anche su una buona fetta di palestra comunali i cui gestori, in piccolo, stanno vivendo lo stesso problema di Capannelle: investimenti già fatti, proroghe bloccate ma gare d'appalto che non partono. La frenesia «blocca tutto» dell'Amministrazione Raggi, però, non ha avuto effetti solo su manifestazioni sportive. I primi provvedimenti presi sono stati quelli di urbanistica. A partire dalla questione Stadio della Roma che, non appena insediatasi la Giunta Raggi, ha vissuto una vita «pubblica» (invio in Conferenza di Servizi) e una «privata» (il mancato rispetto della memoria Berdini sulla variante urbanistica). E proprio l'ex assessore all'Urbanistica, Paolo Berdini, ha segnato la sua permanenza di 7 mesi in Giunta con una serie di provvedimenti di stop: Torri dell'Eur, Mercati generali, ex Fiera di Roma, Caserme di via Guido Reni. Per l'altra delega, quella ai Lavori pubblici, Berdini non è proprio pervenuto. In compenso, sono pervenute le buche, pervenute e proliferate. © R I P R O D U 2 I O N E RISERVATA

Foto: Incontro La sindaca della Capitale Virginia Raggi durante la conferenza stampa in cui annunciò il suo «no» alle Olimpiadi del 2014

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore