scarica l'app
MENU
Chiudi
19/11/2019

Stadio nel degrado, società contro il Comune

Il Centro

Dopo il caso della porta presa a calci, Lamedica e Caporaletti accusano: «Amministrazione assente»
ROSETO «L'amministrazione è completamente assente. Lo stadio Fonte dell'Olmo è nel più completo abbandono». A dirlo sono Pino Lamedica , della Rosetana Calcio, e Claudio e Franco Caporaletti , dell'Universal Roseto, le due società che ogni giorno usufruiscono del campo e che hanno nelle loro fila circa 400 ragazzi del settore giovanile. Nei giorni scorsi il vice sindaco Simone Tacchetti aveva segnalato la rottura di una porta degli spogliatoi dello stadio, accusando le società dell'accaduto. «Le porte sono rotte da oltre un anno», precisa Caporaletti, «e qui girano anche tante squadre ospiti per cui non possiamo sapere neanche noi chi sia stato. Tra l'altro noi non abbiamo mai visto il vicesindaco fare una visita a Fonte dell'Olmo. E poi vorremmo sapere come sono stati spesi i 180mila euro per la messa a norma». L'impianto presenta ancora diverse problematiche: il terreno di gioco è in condizioni pessime, le tribune hanno diversi seggiolini rotti e, per la messa a norma definitiva, manca ancora il parere dei vigili del fuoco. «Per la manutenzione ordinaria pensiamo a tutto noi», aggiunge Lamedica, «per le strisce del campo, il tagliaerba e anche il tubo per l'irrigazione rotto che abbiamo sistemato a nostre spese. Noi facciamo giocare in prima squadra dei ragazzi di Roseto, ma dall'amministrazione non riceviamo neanche un euro». Lamedica parla del bando per la gestione andato deserto. «Era un bando che non conveniva a nessuno», dice Lamedica, «troppo oneroso per qualsiasi società. Noi chiediamo un incontro con l'amministrazione, non solo con il sindaco o vicesindaco, ma anche con i tecnici, per spiegare a tutti le difficoltà che viviamo ogni giorno. Per l'amministrazione esiste solo il basket, il calcio non viene considerato». (l.v.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Le condizioni del terreno di gioco dello stadio Fonte dell'Olmo