scarica l'app
MENU
Chiudi
03/11/2020

Sostegno alle imprese nella morsa della crisi Arrivano 600 mila euro

Il Giornale di Vicenza

L'EMERGENZA COVID. I due bandi presentati dal sindaco Pavan e dall'assessore Marini
Aiuti calcolati sul calo del fatturato e sugli investimenti fatti quest'anno Per accedere ai contributi c'è tempo sino alla fine di novembre
Seicentomila euro a favore delle piccole attività imprenditoriali per contrastare l'emergenza Covid. Li mette a disposizione l'amministrazione comunale con due bandi, rispettivamente da 250 mila e da 350 mila euro, aperti fino alla fine di novembre. «Potranno beneficiarne le aziende fino a dieci dipendenti e con un fatturato inferiore ai due milioni di euro - spiega il sindaco Elena Pavan -. Abbiamo inteso in senso ampio il concetto di piccola impresa, estendendo la partecipazione anche a commercianti, artigiani e liberi professionisti, in modo da venire incontro a un ventaglio ampio di attività».Nel primo caso, i piccoli imprenditori che tra marzo e maggio di quest'anno abbiano subito una decurtazione del fatturato superiore al 33 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, potranno chiedere un contributo pari a un quarto della Tari pagata lo scorso anno, fino a un massimo di 3mila euro.«Nel secondo caso - spiega l'assessore al bilancio, Roberto Marin - il bando ha anche un nome, "Crediamo nelle nostre imprese" e prevede una quota fissa di contributo abbinata a una quota variabile da determinare sempre in base al fatturato».La parte fissa sarà compresa tra i 500 ai 1000 euro, sulla base della decurtazione nel fatturato patita dal richiedente in seguito all'emergenza Covid.La parte variabile, invece, sarà calcolata in relazione agli investimenti fatti dagli imprenditori nel periodo compreso tra marzo e dicembre di quest'anno.«Gli imprenditori potranno usufruire di un ristoro del 50 per cento delle spese effettuate - ancora Marin - fino a un massimo di tremila euro. Per "investimenti" intendiamo impianti, macchinari e beni, con particolar riferimento alle spese fatte per adeguare i locali alle norme di contenimento del contagio».In sostanza, quindi, dal bando "Crediamo nelle nostre imprese" si potranno ottenere 4 mila euro complessivi, a fondo perduto, a compensazione di costi e mancati guadagni generati dall'emergenza coronavirus.«Sappiamo bene che queste somme non saranno sufficienti a coprire le perdite subite dai nostri imprenditori - evidenzia l'assessore al bilancio Marin -, ma dal canto nostro cerchiamo di fare tutto ciò che è nei poteri di un'amministrazione comunale per venire incontro ai piccoli imprenditori».Questo, in attesa che dal governo centrale arrivino risorse aggiuntive oltre a quelle già stanziate da destinare al sistema delle imprese o che l'emergenza abbia termine.«Per quanto riguarda l'accesso ai contributi - spiega Marin - abbiamo disposto una procedura semplificata per entrambi i bandi».In sostanza, gli interessati potranno fare richiesta entro il 30 di novembre, scaricando il modello per l'autocertificazione tramite il sito del Comune. Entro la fine di dicembre sarà stilata una graduatoria degli aventi diritto «ed entro la fine di gennaio - chiude l'assessore Marin - i contributi saranno liquidati ed erogati. Anche in questo caso, considerando i normali tempi tecnici della macchina comunale, posso assicurare che abbiamo fatto tutto il possibile per riuscire a ridurre i tempi di attesa e di assegnazione dei fondi». © RIPRODUZIONE RISERVATA