scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/04/2021

SOCIALE PORDENONE Sono 286 le domande per i buoni …

Il Gazzettino

SOCIALE
PORDENONE Sono 286 le domande per i buoni spesa e 325 per il bonus una tantum, il fondo da 500mila euro messo a disposizione dal Comune e attualmente congelato: questo il bilancio delle richieste di sostegno pervenute al Comune - in parte già soddisfatte e in parte in fase di istruttoria -, mentre a breve si aprirà la raccolta delle domande per il sostegno agli affitti onerosi e per un'altra forma di aiuto, i cosiddetti buoni viaggio.
BUONI ACQUISTO
Il Comune di Pordenone ha ricevuto dallo Stato 274mila euro da destinare all'acquisto di derrate alimentari e generi di pulizia a favore di famiglie nelle quali almeno un componente abbia perso il lavoro o sia stata dichiarata una perdita importante del reddito. Dalla data di apertura del bando (8 marzo) al 1. aprile sono pervenute 286 domande e sono stati erogati buoni a favore di 171 famiglie, per una spesa totale di 83mila euro. Ne restano a disposizione 191.893,19, mentre 27 domande, arrivate fra il 29 marzo e il 1. aprile, si trovano in fase istruttoria. Il bando è esposto nella bacheca elettronica del Comune di Pordenone, è facilmente consultabile e la domanda può essere inoltrata sia tramite sistema informatico, sia via fax o tramite richiesta e consegna a mano allo sportello sociale del Comune di Pordenone (info: 0434.392681).
BONUS UNA TANTUM
Si tratta di un aiuto che viene erogato in un'unica soluzione alle famiglie che abbiano subito una importante riduzione del reddito a causa della pandemia, grazie a un fondo di 500mila euro stanziato dal Comune. «Il bonus - ricorda il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali Eligio Grizzo - è stato momentaneamente sospeso, in attuazione di una valutazione temporale che vede l'accavallarsi di somme erogate dallo Stato e dal Comune per gli stessi fini ai cittadini che hanno le stesse caratteristiche di bisogno. L'accantonamento è disponibile per le future emergenze che si dovessero verificare a causa del ritardo di finanziamenti a persona erogati dallo Stato. Resta sempre aperta la linea di soccorso ai cittadini che si trovino in particolari situazioni di povertà e di bisogno incombente».
LE RISORSE
Poiché la platea dei beneficiari dei due interventi è sostanzialmente simile, l'amministrazione ha infatti ritenuto di impiegare per ora le risorse statali, per poi intervenire successivamente con la quota di risorse comunali non ancora utilizzata, in previsione di un possibile aggravamento delle condizioni economiche di molti nuclei familiari. Dall'apertura del bando, il 30 novembre scorso, alla data di sospensione il 19 marzo, sono pervenute 325 domande e sono stati erogati interventi a favore di 215 famiglie, per una spesa totale di 152.610. Restano altri 347.390 euro accantonati per eventuali esigenze future.
AFFITTI
L'assessore ricorda che, a partire da martedì 6 aprile, partirà la raccolta delle domande per il sostegno agli affitti onerosi, mentre è in corso di pubblicazione proprio in questi giorni il bando per il rimborso delle spese sostenute da soggetti con ridotta mobilità per il taxi o noleggio con conducente, i cosiddetti buoni viaggio. Il contributo verrà erogato in virtù di una somma proveniente dalla Regione, di 126mila euro da destinare a buoni viaggio per persone con mobilità ridotte. Il Comune ha definito le linee guida per la loro assegnazione: i beneficiari saranno persone con impedimenti fisici legati alla mobilità, con Isee non superiore a 60mila euro, che abbiano usufruito fra il 14 ottobre 2020 e il 31 dicembre 2021 di un servizio taxi o noleggio con conducente. Il beneficio coprirà il 50% della spesa sostenuta, per un massimo di 20 euro per ciascun viaggio.
Lara Zani
© RIPRODUZIONE RISERVATA