MENU
Chiudi
15/01/2019

Slitta ancora il bando del verde L’opposizione: «Fermate tutto»

QN - Il Resto del Carlino

- CASALECCHIO - SLITTA di altre due settimane la scadenza del bando per la gestione del parco Talon (nella foto) e di tutto il verde pubblico di Casalecchio. Altra battuta di arresto per l'atto più contestato della legislatura: diciannove anni di concessione ed oltre 13 milioni di euro di valore per le casse comunali a fronte della cura dei 243 ettari di 45 giardini pubblici, oltre ai cento ettari del parco della Chiusa. Venerdì mattina, ultimo giorno utile per presentare le offerte, sul sito dell'Unione di comuni è stata pubblicata la notizia dell'ulteriore proroga al prossimo 25 gennaio. UN 'PICCOLO slittamento burocratico', minimizza il Comune: «La proroga si è resa necessaria per integrare la documentazione di gara con alcuni documenti che, per mero errore materiale, non erano stati pubblicati sul sito istituzionale dell'Unione dei comuni che ha curato la gara», si legge nella nota dell'ufficio stampa del Comune di Casalecchio. Nessuna conferma quindi per le voci che riferivano di un bando che rischiava di andare deserto. Intanto insorgono le opposizioni, unite nella richiesta di rinviare ogni decisione alla nuova amministrazione: «Faremo un esposto alle autorità competenti per tutte le verifiche di legittimità - promette il capogruppo di Forza Italia Erika Seta -. Questa Giunta merita di essere mandata a casa con disonore, non è accettabile che il bando sia ulteriormente prorogato con una scusa inconcepibile e molto oltre la presa in giro all'intelligenza umana. Su un bando europeo di tale importo è sconvolgente anche solo pensare che un ufficio gare possa commettere un errore che manifesta approssimazione e che avrebbe portato a questo terzo rinvio». Secca la bocciatura anche da parte di Paolo Rainone, capogruppo dei 5 Stelle: «A Casalecchio, dopo 70 anni, la prossima tornata elettorale promette un cambiamento. E la conferma viene anche da scelte pasticciate e confuse come il tentativo di affidamento ventennale a un soggetto estraneo al territorio del Parco della Chiusa, nonostante migliaia di firme raccolte da un comitato di cittadini che proponevano indirizzi precisi per il nostro gioiello ecologico e il notevole ritardo nella pubblicazione di un bando avvenuto in prossimità della scadenza del mandato». PER LA LISTA civica Andrea Tonelli rincara la dose: «Ormai gli errori 'materiali' nei bandi del Comune di Casalecchio si ripetono con frequenza preoccupante. Segno di una amministrazione allo sbando, incapace ormai di governare una città che merita un governo migliore». Gabriele Mignardi © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore