MENU
Chiudi
15/01/2019

Slitta ad aprile l’albo dell’Anac per i commissari

La Notizia Giornale

I nodi delle opere pubbliche
di paolo Vita LNuovo stop al codice per i contratti pubblici. Oggi sarebbe dovuta entrare in vigore la norma che prevede per le commissioni giudicatrici, in materia di contratti di appalto o di concessione da aggiudicare secondo il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, la nomina di commissari iscritti all'albo istituito presso l'Autorità Nazionale Anticorruzione. Peccato che ad oggi, a fronte di circa 2100 iscritti nelle varie sezioni dell'albo, l'Autorità guidata Cantone stimi un fabbisogno di commissari pari a circa 20/25 mila unità. "Numerose sottosezioni dell'Albo - recita la segnalazione invita dall'Anticorruzione al Parlamento per correggere la norma - circa il 30% risultano prive di iscritti, circa 40% ha un numero di esperti inferiore a 10". Nell'attesa di una modifica normativa all'articolo 77 del codice dei contratti pubblici, l'Anac ha differito l'entrata in vigore della norma fino al prossimo 15 aprile. Secondo l Anticorruzione, la soluzione sarebbe quella di "In caso di indisponibilità, o disponibilità insufficiente di esperti iscritti nella sezione ordinaria dell'Albo ai fini della compilazione della lista dei commissari, la commissione è nominata, anche solo parzialmente, dall'organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto secondo regole di trasparenza predeterminate". consentire alle stazioni appaltanti di procedere alla nomina dei commissari in caso di mancata o insufficiente implementazione delle singole sottosezioni dell'albo dei Commissari.

L'allarme

L'Autority non ha abbastanza esper per aggiudicare gli appal E Cantone scrive al Parlamento


Foto: ( imagoeconomica )


Foto: Raffaele Cantone

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore