scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/07/2021

Sicurezza sul lavoro, è emergenza

QN - Il Resto del Carlino

Due morti in un giorno solo
Marinella Melandri * La città segnata dalla tragedia della Mecnavi, ha vissuto un'altra tragica giornata, con due vittime a causa di incidenti sul lavoro: un lavoratore di un appalto al Centro Servizi di Marcegaglia e l'altro a bordo di una nave in procinto di entrare nel porto. Due tragici episodi che alimentano una intollerabile scia di sangue, a cui si aggiungono infortuni, spesso invalidanti, sempre più frequenti, senza contare quelli che non vengono denunciati, cedendo al ricatto occupazionale. La Cgil non si rassegna all'idea che questo debba essere il prezzo della 'ripartenza' dopo la pandemia. La vita e l'integrità delle persone non sono sacrificabili alle ragioni della produzione e del profitto. Di questo deve farsi carico l'intera comunità, a partire dalle aziende, dalle loro rappresentanze e dalle Istituzioni che devono essere garanti, anche attraverso i sistemi ispettivi e di controllo, del rispetto delle norme e della promozione della cultura della prevenzione, indispensabili per qualificare un sistema produttivo. Già a maggio Cgil Cisl Uil hanno denunciato l'emergenza nazionale sul tema della sicurezza sul lavoro, rivendicando una strategia per un Patto per la Sicurezza, con interventi legislativi, più formazione, più prevenzione, rafforzamento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS e RLST). Anche il sistema degli appalti fra privati va rivisto per ricomporre la filiera delle responsabilità ed evitare speculazioni che si scaricano sui lavoratori, con aumento dei ritmi di lavoro, prolungamenti dell'impegno orario e riduzione delle precauzioni per la salvaguardia della salute e della sicurezza. Le opportunità di sviluppo del territorio devono assicurare la legalità sotto tutti gli aspetti ed avere come presupposto l'impegno condiviso affinché l'occupazione sia stabile, sicura, tutelata e correttamente remunerata, emarginando quei soggetti economici che, ponendosi fuori da questo perimetro, vengono meno all'utilità sociale dell'impresa. Per questo Cgil Cisl Uil hanno chiesto al Prefetto la convocazione urgente dell'Osservatorio per la legalità e la sicurezza sul lavoro. *Segretaria Generale Cgil Ravenna