scarica l'app
MENU
Chiudi
23/02/2021

Sicurezza, per le Polizie locali in arrivo una dote di 2,7 milioni

Il Gazzettino

È la posta approvata ieri dalla giunta regionale su proposta dell'assessore alle Autonomie
GIUNTA
UDINE Due milioni e 700mila euro destinati alla sicurezza sul territorio. È la posta approvata ieri dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, a copertura del Programma di sicurezza 2021, che ora dovrà avere il via libera dal Consiglio delle Autonomie e della commissione consiliare competente. La parte più cospicua delle risorse è destinata alla realizzazione di nuove sedi e sale operative per la Polizia locale, alla ristrutturazione e all'adeguamento tecnologico e infrastrutturale di quelle esistenti, con interventi finalizzati anche alla protezione e al sicuro utilizzo dei locali da parte del personale e degli utenti, in conseguenza all'emergenza epidemiologica in atto. Sono inoltre finanziati nuovi impianti di videosorveglianza e di lettura targhe. Novità 2021, la destinazione di 500mila euro per i progetti proposti dai Comuni, singoli o associati, per migliorare la sicurezza della popolazione, in particolare delle famiglie e delle fasce deboli. Il contributo sarà compreso tra i 25mila e i 40mila euro. Apertura il 1° marzo dei termini per la domanda di concessione contributi a fondo perduto per le attività di cultura e sport colpite dalla crisi Covid ed elencate in 31 codici Ateco e 3,1 milioni di euro recuperati dalla programmazione europea per essere investiti a favore delle Pmi sono invece le decisioni economiche assunte dalla Giunta. Su proposta dell'assessore alla Cultura, Tiziana Gibelli, è stato approvato il bando che fissa dal 1° al 15 marzo l'arco temporale per presentare la richiesta di contributo a titolo di ristoro per le attività culturali e sportive, che da un anno hanno subito il fermo. Il contributo a fondo perduto è di 1.500 euro per ciascun beneficiario e ammontano a 3 milioni le disponibilità finanziarie decise dalla Regione. Nella delibera di Giunta sono riportati tutti i codici Ateco delle attività che possono beneficiare della misura. Il contributo sarà assegnato a sportello, secondo l'ordine cronologico di presentazione della domanda. Nei ristori progettati dalla Regione a partire dal prossimo mese, rientrano anche «i 500 maestri di sci attivi sul nostro territorio, una categoria che finora non ha ricevuto alcun sostegno concreto», ha affermato ieri l'assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Sergio Bini, presentando la prossima tappa di Coppa Europa di discesa libera maschile, organizzata dall'Unione sportiva Camporosso Ad sulla pista Canin di Sella Nevea dal 22 al 25 febbraio.
FINANZE
Su proposta dell'assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, la Giunta ha anche dato il via libera alla modifica del piano finanziario del programma comunitario Por Fesr, che ha permesso di «riallocare 3,1 milioni a favore della ricerca applicata e degli investimenti nelle piccole e medie imprese Fvg», ha spiegato Zilli, specificando che tale riprogrammazione è stata possibile per «l'attento controllo sugli equilibri finanziari dei vari ass i del Programma operativo finanziario». Nello specifico, 2,7 milioni saranno dedicati all'innovazione ed industrializzazione dei risultati della ricerca, facendo scorrere la graduatoria del bando approvato a luglio come misura di sostegno in risposta alla crisi dovuta alla pandemia; 400mila euro saranno invece assegnati alla riorganizzazione e ristrutturazione aziendale delle Pmi e anche in questo caso serviranno allo scorrimento di graduatorie di cui sono beneficiarie le imprese. Ieri la Giunta, su proposta dell'assessore all'Ambiente, Fabio Scoccimarro, ha anche aggiornato il Piano regionale di bonifica, in cui figurano 161 siti inquinati per una stima degli oneri finanziari sulle aree di proprietà pubblica pari a 52 milioni.
Antonella Lanfrit
© RIPRODUZIONE RISERVATA