MENU
Chiudi
21/10/2018

Sicurezza e controlli sulle strade ultimatum di Musumeci all ‘ Anas

Gazzetta del Sud

Attività di monitoraggio senza riscontri: il governatore chiede la relazione tecnica
«Se non è nelle condizioni di assicurare le verifiche in tempi brevi ce lo dica con chiarezza, troveremo subito un ' altra soluzione» Codice degli appalti: disegno di legge per evitare ribassi s c a n d a l o si sulle opere pubbliche
PA L E R M O L ' Anas non ha colto l ' input della Re gione e così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, è costretto ad alzare la voce. Facendo seguito alla riunione tenutasi lo scorso 24 agosto a Palazzo d ' Orleans sull ' urgente ricognizione dello stato di conservazione e manutenzione delle infrastrutture viarie siciliane, il governatore ha sollecitato ai vertici dell ' Anas una rela zione sulle attività di verifica effettuate e sulle iniziative già intraprese in merito. Musumeci ha chiesto anche la copia della certificazione attestante il collaudo statico delle autostrade. Ma il governatore è ben consapevole che l ' attività di monitoraggio è anco ra all ' anno zero. E così invia un ulti matum alla società: «Se l ' Anas non è nelle condizioni di assicurare il monitoraggio in tempi brevi - afferma il governatore - ce lo dica con chiarez za. Troveremo un ' altra soluzione». ( Intanto la giunta regionale spinge sul disegno di legge che dovrebbe integrare le procedure degli appalti. Non basta più il semplice deposito del progetto con autocertificazione per avviare i lavori, ma serve attendere la singola autorizzazione dei tecnici. Il disegno di legge consente invece all ' Assessorato di varare un regolamento per snellire le procedure, senza comunque entrare in conflitto con il pronunciamento della Consulta. L ' obiettivo è di intro durre un meccanismo di controlli a campione su pratiche come verifica dei lavori e l ' adeguamento antisi s m i co. Aspetto cruciale è inoltre la modifiche degli articoli 95 e 97 del codice degli appalti. La soglia per gli appalti da affidare con il criterio dell ' offerta più vantaggiosa si alza fi no alla soglia comunitaria. Il Governo Musumeci ha così fatto propria la proposta di alcune associazioni datoriali e dei rappresentanti di categoria (Ance, Confartigianato, Creda), al fine di eliminare anche il rischio di offerte eccessivamente basse. «Con questa iniziativa - afferma l ' assessore regionale delle Infra strutture Marco Falcone - è intendi mento del Governo regionale aprire un dibattito a livello nazionale per giungere a una modifica del Codice degli appalti, finora dimostratosi inefficace sia sullo snellimento che sotto il profilo della trasparenza delle procedure».

Camusso: Regione assente sulle vertenze

l La leader della Cgil Susanna Camusso, a margine del XVI congresso di Palermo, critica la giunta Musumeci: ««Non si sente intervenire sul tema degli investimenti - ha proseguito - , non si capisce qual è la prospettiva che hanno, ed è assente in una serie di vertenze in cui bisognerebbe esserci. E non è una voce rispetto a un dibattito del Paese che sotterraneamente sta sempre più avvenendo. Il Governo in molte occasioni ha detto che pensa di attuare un federalismo differenziato, rispetto ai progetti approvati nelle regioni del Nord».

Foto: Nello Musumeci e Marco Falcone Il governatore e l ' assessore alle Infrastrutture impegnati sul fronte della rete viaria

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore