scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/08/2021

Sicurezza: chi ha meno infortuni avrà vantaggi negli appalti

Il Giornale - CBas

A CORBETTA
Un'iniziativa inedita per promuovere la sicurezza sul lavoro. L'ha adottata il Comune di Corbetta. Le aziende che registrano meno infortuni tra i propri lavoratori avranno un punteggio aggiuntivo per partecipare alle gare d'appalto pubbliche. Lo annuncia con un post su Facebook il sindaco Marco Ballarini: «Oggi (ieri, ndr ) 8 agosto è la Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo. E proprio in questa data importante vi comunico che a Corbetta abbiamo approvato in giunta un atto di indirizzo politico unico a livello provinciale, regionale e, probabilmente, nazionale. Abbiamo infatti richiesto un criterio di punteggio aggiuntivo per le gare d'appalto che verranno svolte dal Comune di Corbetta: le aziende, le ditte e le società che hanno un indicatore di infortuni sul lavoro inferiore rispetto alla media nazionale riceveranno un punteggio aggiuntivo». In questo modo chi rispetta le regole e applica le norme di tutela per i lavoratori avrà un vantaggio ulteriore. «Per noi continua Ballarini - si tratta di un gesto di civiltà importante per tutelare ancor di più i diritti. Il ricordo delle vittime sul lavoro è un monito forte per le tutte le istituzioni e non solo a livello nazionale». Per il provvedimento la giunta ha raccolto idee e consigli di cittadini e politici anche di orientamento politico diverso. Conclude il sindaco di Corbetta: «Non possiamo più sopportare, accettare e tollerare gli infortuni e le morti sul lavoro: troppi sono i casi, nei primi 6 mesi del 2021 sono già 538 i morti sul lavoro, di età compresa tra i 20 e i 29 anni. Non dimentichiamo la tragica fine della giovanissima mamma Luana D'Orazio o più recentemente il dramma della morte di Laila El Harim, 41enne uccisa da un macchinario proprio come Luana...». La tutela del lavoro viene riaffermato nella cittadina dell'hinterland milanese proprio in occasione del ricordo della tragedia di Marcinelle, dove l'8 agosto 1956 morirono 262 minatori. Di questi, 136 erano migranti italiani.