scarica l'app
MENU
Chiudi
10/09/2018

Si dimette il commissario indagato Braccio di ferro sulla ricostruzione

Corriere della Sera - Giuseppe Alberto Falci

Genova, Toninelli: Toti aiuti gli sfollati. La replica: pensi agli errori del suo dicastero
ROMA È un'altra giornata al veleno quella che si consuma sull'asse Genova-Roma. Da un lato lo scontro sulla ricostruzione tra il governatore Toti e i due ministri pentastellati Danilo Toninelli e Luigi Di Maio. Dall'altro le dimissioni di Bruno Santoro, ingegnere e membro della commissione inchiesta sul ponte Morandi, costretto questa volta a lasciare la poltrona per essere finito nel registro degli indagati per disastro colposo, omicidio colposo plurimo e omicidio stradale e dunque in conflitto di interessi. Venti giorni fa quando emerse il conflitto di interessi per la doppia consulenza da 70 mila euro per Autostrade Santoro non solo non si dimise ma venne confermato da Toninelli.

La giornata è animata dal braccio di ferro tra Regione Liguria e l'esecutivo per la partecipazione o meno di Autostrade per l'Italia per la messa in opera del nuovo viadotto. Di buon mattino il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli verga un tweet nel quale attacca il presidente della Regione Giovanni Toti dopo l'intervista rilasciata al Corriere: «Si preoccupi di far rientrare in casa gli sfollati per riprendersi gli effetti personali e di dar loro un nuovo alloggio».


La replica piccata dell'azzurro non si fa attendere: «Il ministro dovrebbe preoccuparsi di ben altro rispetto a quello che faccio io, dato che i commissari del Mit ruotano come i giocatori in una partita di calcio».


Ma non finisce qui. Perché in questo contesto si registra anche il duello fra il vicepremier Luigi Di Maio e il governatore Toti. Con il primo che annuncia «brutte notizie per Autostrade». E Toti che controreplica così: «Dia piuttosto buone notizie ai liguri».


Nel frattempo nel corso della mattinata dopo l'indagine a suo carico e l'evidente conflitto di interessi, Bruno Santoro formalizza le dimissioni da membro della commissione tecnica che indaga sul crollo del ponte Morandi e il ministero lo ringrazia «per la sensibilità e la professionalità dimostrate» precisando «che appena dal 23 marzo scorso Santoro è dirigente della Divisione 1 della Direzione generale per la vigilanza sulle concessionarie autostradali».


Lo stesso Toninelli annuncia «un decreto legge in cui ci saranno importantissime novità per Genova e i genovesi». Oggi incontrerà i sottosegretari Edoardo Rixi, Armando Siri e Michele Dell'Orco per fare il punto sul provvedimento che «dovrebbe essere pronto entro la settimana». Una parte consistente del decreto si occuperà del capoluogo ligure.


Ci saranno misure ad hoc per gli sfollati, per le nuove abitazioni e per le agevolazioni alle imprese. Potrebbe anche esserci una norma che prevede la deroga al codice degli appalti per consentire immediatamente a Fincantieri e all'architetto Renzo Piano di predisporre la fase operativa del progetto del nuovo ponte. Al momento però nessuno si sbilancia sulla cifra che palazzo Chigi stanzierà perché si concerterà con il Mef.


L'esecutivo intende voltare pagina. Non a caso pensa di istituire una banca dati unica sullo stato e la manutenzione di tutte le infrastrutture. E potenziare la struttura di vigilanza con l'innesto di «almeno» 50 giovani ingegneri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi è / 1

Danilo Toninelli, 44 anni, è il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti nell'attuale governo Conte iniziato il 1° giugno

Chi è / 2

Giovanni Toti, 50 anni, è il presidente della Regione Liguria dal 2015. È stato direttore di Studio Aperto e del Tg4 in Mediaset