scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/01/2021

Si accelera per la nuova questura

La Gazzetta Del Mezzogiorno

OPERE PUBBLICHE IN ATTESA DEL CANTIERE
L'INTERVENTO Il senatore Iulio Valerio Romano, del M5S, ha voluto fare il punto sull'iter del progetto con il viceministro Vito Crimi LA RASSICURAZIONE «La Regione Puglia si è dichiarata disponibile a svolgere la funzioni di stazione appaltante per il tramite di una propria società in house» Dopo gli ultimi adempimenti, ci saranno convenzione e avvio al bando progettuale
EMANUELA TOMMASI l Si accelera per allestire il cantiere della nuova questura. L'ultimo - in ordine di tempo - interessamento sullo «stato dell'ar te» di un iter avviato oltre due anni fa - ma la questione è ultra decennale - è quello di Iunio Valerio Romano , senatore del Movimento 5 Stelle. «Grazie anche al fattivo interessamento del viceministro Vito Crimi, con il quale mi sono interfacciato in queste ore - fa sapere Romano - ho potuto acquisire ulteriori informazioni circa lo stato dell'arte in ordine alla costruzione della nuova questura di Lecce, ormai attesa da tempo immemore». Lo stabile destinato a riunire tutti gli uffici della Polizia di Stato attualmente distribuiti in varie sedi, sarà costruito su un'area tra via Merine e la tangenziale Est, nelle vicinanze del palazzetto dello sport della Provincia, su un'area sequestrata nell'ambito di un processo per truffa ai danni dello Stato, cui sono stati aggiunti altri terreni che il Comune di Lecce ha messo a disposizione per raggiungere la superficie di circa diecimila metri quadrati. Dovrebbe essere realizzata con finanziamenti Cipe superando, così, gli ostacoli per la mancanza delle risorse che avevano fatto saltare il precedente progetto che prevedeva la nuova questura in viale Grassi. «La Regione Puglia si è dichiarata disponibile a svolgere la funzioni di stazione appaltante per il tramite di una propria società in house - continua il senatore di M5S - Non appena la porzione di terreno comunale sarà acquisita al patrimonio statale, al termine delle interlocuzioni in atto tra il Demanio regionale e la Ragioneria generale dello Stato, si potrà stipulare la convenzione e dare l'avvio al bando progettuale. È obiettivo comune garantire condizioni di lavoro idonee e funzionali all'espletamento di compiti particolarmente delicati al servizio dei cittadini - sostiene Romano - così come è di assoluta priorità abbattere le locazioni passive, razionalizzando la gestione dei beni dello Stato. Sarà mio impegno seguire da vicino l'evoluzione di un progetto di vitale importanza per la comunità, così come lo è quello della Cittadella giudiziaria, la cui realizzazione auspico possa dirsi presto realtà, grazie anche al forte impegno del ministro Bonafede, che ha dimostrato particolarità sensibilità nel rispondere prontamente alle forti sollecitazioni del territorio». Il protocollo d'intesa tra il Dipartimento della Pubblica sicurezza, Comune e Agenzia del Demanio era stato firmato il 15 novembre 2018, in Prefettura, dal capo della Polizia, Franco Gabrielli , dal sindaco Car lo Salvemini e dal direttore dell'Agenzia per la Puglia e la Basilicata, Vincenzo Capobianco , presente l'allora prefetto Maria Teresa Cucinotta . L'AREA La zona destinata alla nuova questura. Nel riquadro, Iunio Valerio Romano