MENU
Chiudi
03/12/2018

Sfilate dei carri a rischio? Macché

La Gazzetta Del Mezzogiorno

PUTIGNANO LO STORICO CARNEVALE IL PRESIDENTE LOPERFIDO «Senza la sospensiva gli ammessi stanno procedendo. Abbiamo chiesto una sentenza breve: non prevediamo alcun contraccolpo» IL FATTO I giudici hanno accolto il ricorso del maestro Franco Giotta escluso in agosto dall'elenco dei cartapestai ammessi al corteo 2019
Tutti al lavoro anche se il Tar ha chiesto di riformulare la graduatoria di ammissione
PALMINA NARDELLI l La notizia (pubblicata ieri sulla Gazzetta) che la prima sezione del Tar-Puglia ha accolto il ricorso del maestro cartapestaio, Franco Giotta e dell'Arcas, la sua associazione, ha acceso il tam tam di strada a Putignano. Il Tribunale amministrativo ha chiesto alla Fondazione del Carnevale di Putignano la riformulazione della graduatoria di ammissione che lo scorso agosto aveva escluso Giotta (insieme a un altro storico collega e ad altri due nuovi artisti), dalla possibilità di realizzare il suo carro allegorico per la manifestazione 2019. Una richiesta che ha dato adito a varie - alcune ardite, altre catastrofiche interpretazioni, sulla possibilità che ciò possa influire negativamente sulla prossima edizione. Il presidente della Fondazione, Gianpaolo Loperfido, ci ha dichiarato: «Fermo restando che le sentenze si rispettano, saranno recepite le prescrizioni avanzate, ricordando comunque che, sulla questione, il Tar aveva rigettato la richiesta della sospensiva fatta dalla parte avversa. Onde evitare che ci siano contenziosi futuri, ora ci viene chiesto di riformulare l'atto in modo più chiaro e trasparente convocando una nuova commissione che valuti, in base ai criteri richiesti dal bando le caratteristiche di ciò che si andrà a realizzare con il carro allegorico. Il consiglio di amministrazione si attiverà in tempi brevissimi. Già domani, (oggi, lunedì 3 dicembre) ci riuniamo con il nostro avvocato Daniela D'Onghia, per dare il via a un iter brevissimo che ci porterà, entro dieci giorni, a rispettare la prescrizione. Senza la sospensiva, gli ammessi hanno continuato a lavorare e avendo noi richiesto una sentenza breve, non prevediamo nessun contraccolpo per la prossima edizione». Abbiamo chiesto anche al maestro Giotta un parere, il quale dopo tante amarezze provocate dalla sua esclusione (che ha lasciato increduli i suoi tanti estimatori), «si ritiene soddisfatto della circostanza che il Tar abbia riconosciuta l'illegittimità dell'operato della commissione che ha giudicato i bozzetti, per usare le parole del Tar "in palese violazione dei principi della trasparenza e di imparzialità"». Giotta si augura che «la nuova commissione sia composta da esaminatori di comprovata esperienza, competenza e imparzialità, che arrivi presto ad una nuova giusta valutazione a beneficio dell'intero carnevale putignanese e di tutta la cittadinanza». In questa fase delicata, la macchina organizzativa della 625esima edizione è già avviata. Le prossime sfilate si terranno dalle 15.30 le domeniche del 17 e 24 febbraio, il 3 marzo e martedì 5. La prima manifestazione che apre le porte al carnevale è fissate per mercoledì 26 dicembre con la Festa delle Propaggini, alla cui organizzazione la Fondazione si sta già dedicando. Dopo il bando di partecipazione, saranno 7 i gruppi partecipanti con una new entry che sbalordirà. Si tratta del gruppo «I Petecchie» composto esclusivamente da bambini che hanno seguito un laboratorio di vernacolo. Per il presidente «nuove leve che, ci auguriamo, possano portare avanti questa tradizione».

Foto: L'ALBUM DI UN GRANDE EVENTO


Foto: I PROTAGONISTI Il presidente della Fondazione Giampaolo Loperfido (a sinistra) e il maestro Franco Giotta; in basso i capannoni dei cartapestai

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore