scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/03/2021

«Sfida storica, ma urgente semplificare»

QN - La Nazione

Il webinar su pubbliche amministrazioni e recovery
«Il Recovery Plan è una sfida storica, che non possiamo perdere. Sarebbe fondamentale una revisione del codice dei contratti pubblici: visti però i tempi stretti forse possiamo limitarci ad applicare le direttive dell'Unione europea. E poi serve una semplificazione del codice degli appalti». Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, all'evento «Strumenti efficaci per la Pa di fronte alla sfida del Recovery Plan». Organizzato dal Comune di Firenze e moderato dalla direttrice de La Nazione, Agnese Pini, il webinar ha visto la partecipazione del presidente del Consiglio di Stato Filippo Patroni Griffi, di Andrea Simoncini, professore di diritto costituzionale dell'Università di Firenze, del consigliere regionale Gianni Anselmi e dei sindaci di Genova e Piacenza, Marco Bucci e Patrizia Barbieri. Per sfruttare l'opportunità del Recovery «occorre una chiara visione politica ma anche un sistema amministrativo efficiente - ha detto Filippo Patroni Griffi, presidente del Cds -. I giuristi di diritto pubblico potranno dare un contributo per la ricostruzione se sapranno cogliere le esigenze nate dalla pandemia e proporre strumenti efficaci». Sul «nuovo clima di dialogo fra istituzioni ha posto l'accento Simoncini, evidenziando come possa essere un'eccezionale opportunità. «Come ha dimostrato il modello Genova - ha detto il sindaco Bucci - non c'è bisogno di riscrivere il codice degli appalti, basta usare il codice europeo». «Abbiamo bisogno di snellire le procedure dei concorsi pubblici - ha proseguito la sindaca Barbieri - ma anche di un'immissione straordinaria di dipendenti e di alte qualifiche». «Il punto centrale - ha commentato il consigliere Anselmi - è non usare il recovery fund solo per ripartire ma per cambiare il paese». Lisa Ciardi