scarica l'app
MENU
Chiudi
27/05/2020

Sfalci, servizio regionale caro Il sindaco si ribella e fa da sé

Messaggero Veneto - Giulia Sacchi

Con la gara unica imposta dal Fvg la cura del verde sarebbe costata il triplo Carli: «La nostra soluzione è stata assumere a tempo persone del territorio» maniago
Giulia Sacchi / maniagoGara d'appalto unica per la manutenzione del verde e gli sfalci in tutti i Comuni della regione: a parità di servizio rispetto al vecchio sistema in capo ai municipi, con questa nuova modalità nel 2020 il costo per Maniago sarebbe triplicato. Il sindaco Andrea Carli ha quindi deciso di "gestirlo in casa", assumendo temporaneamente persone del territorio. Il primo cittadino non ha esitato a definire la scelta della Regione illogica e anti economica. «In giunta abbiamo approvato una variazione di bilancio mediante la quale sono stati messi a disposizione soldi per il progetto di manutenzione del verde e degli sfalci dei cigli comunali - ha spiegato il sindaco -. Immagino che molti cittadini abbiano notato che ultimamente i nostri viali alberati risultano "arricchiti" alla base da un eccesso di foglie e nuovi rami verdi. Un evidente segnale di poca cura del verde. Tutto questo non dipende dalla scarsa attenzione dell'amministrazione, ma da una questione complicata che si è risolta con la variazione di bilancio citata».«Negli anni scorsi - ha ricordato Carli -, questo servizio veniva dato in appalto dal Comune di Maniago a un'azienda che svolgeva gli sfalci durante l'anno a un prezzo equo. Ma, dal 2020, questi lavori sono stati inseriti all'interno dei servizi disciplinati dalla centrale di committenza regionale. Per dirla in modo semplice, gli uffici regionali hanno avuto la bella idea di fare un'unica gara d'appalto per tutti i Comuni friulani».Quindi, c'è stato un vincitore della procedura competitiva: un'azienda di Modena, che avrebbe dovuto eseguire gli sfalci per i municipi di tutto il Friuli Venezia Giulia. «Alla faccia del motto "facciamo lavorare le nostre aziende" - ha messo in evidenza il sindaco -. Ma parliamo del costo: a parità di servizio, sarebbe stato triplo rispetto a quanto pagavamo lo scorso anno. Dico "sarebbe stato" non a caso: mi sono infatti categoricamente rifiutato di soccombere a questa progettualità, illogica e mostruosamente anti economica. La soluzione individuata con i tecnici comunali è stata quella di "costruire in casa" il servizio, assumendo in modo temporaneo persone del territorio sotto il coordinamento degli addetti comunali. Aggiungendo il noleggio dei mezzi e alcune migliorie, il costo complessivo sarà un po' maggiore dello scorso anno, ma di circa il 50 per cento inferiore a quanto avremmo speso affidando l'incarico all'azienda individuata con la gara regionale».Secondo il sindaco di Maniago, l'idea della gara unica a livello regionale sarebbe stata anche buona, ma lo stesso non si può dire del risultato. «Se il proposito iniziale della Regione era nobile, ovvero "cari Comuni non preoccupatevi più di fare gare d'appalto e affidamenti, ci pensiamo noi", l'esito è stato piuttosto devastante - ha concluso il primo cittadino -. So che per fortuna sono già stati apportati correttivi a questo strano meccanismo. Nel frattempo, però, molti Comuni, non potendo organizzare in proprio il lavoro, hanno dovuto per forza sottoscrivere il servizio». --© RIPRODUZIONE RISERVATA