scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/04/2021

SESTO SAN GIOVANNI «Il costo della proroga a Sanga…

QN - Il Giorno

La polemica Altra proroga sui rifiuti «Ma a costi uguali» L'appalto ancora non assegnato nel mirino dell'opposizione Martedì in commissione il caso dell'assessore Magro
SESTO SAN GIOVANNI «Il costo della proroga a Sangalli sarebbe stato lo stesso anche con il nuovo appalto: non c'è un aggravio di costi». Lo dice il Comune che sta ancora valutando le 3 proposte del maxi appalto da 60 milioni dell'igiene urbana. «Non è una procedura che si apre e chiude dall'oggi al domani». Tanto che si è resa necessaria la seconda proroga di quello che doveva essere un contratto di un anno: il tempo, secondo le stime iniziali, per la gara europea pluriennale approvata in Giunta l'8 settembre scorso. Sangalli era subentrata ad Area Sud Milano l'1 gennaio 2020 dopo la procedura di concordato preventivo dell'allora gestore e la risoluzione anticipata del contratto. «La seconda proroga con la chiusura del termovalorizzatore il 31 marzo, conosciuta da anni, e la Giunta si fa trovare impreparata. Con aggravio di costi e di Tari notevole», ha denunciato l'ex sindaco Giorgio Oldrini. «L'assemblea dei soci di Core (ex gestore del forno, ndr) aveva analizzato la società Bea, scoprendo che alcuni Comuni del consorzio non se ne servivano, fatto che ha sollevato dubbi - replica l'amministrazione -. Si è pensato alla gara unica tra Comuni ma non coincidevano le scadenze degli appalti». L'aumento Tari? «Chiediamo sulla base di quale calcolo e con quale certezza venga dichiarato». Il Pd in più occasioni ha denunciato un incremento fino al 2% per le famiglie e fino al 20% per le utenze non domestiche. L'assessore Antonio Lamiranda, in risposta a Oldrini, scrive che «il costo aggiuntivo della Tari era noto da tempo, non avendo più l'ammortizzatore Core». Intanto martedì si terrà la commissione Ambiente voluta dalla minoranza dopo la richiesta di dimissioni dell'assessore Alessandra Magro da parte di associazione Sottocorno e Comitato Cascina Gatti. «Ci hanno persino chiesto prima le domande che porremo all'assessora», sbotta la minoranza. La.La.