scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
07/08/2021

Sessanta milioni per prendersi le Terme Ecco il bando, domande entro il 15 settembre

QN - La Nazione

MONTECATINI TERME Servono oltre 60 milioni per diventare il nuovo socio di maggioranza delle Terme e compiere gli investimenti necessari al rilancio dell'azienda. Il bando, annunciato ormai da qualche settimana, è stato appena pubblicato e le offerte dovranno arrivare non oltre le 13 del 15 settembre. «Terme di Montecatini - dice il documento - intende individuare un nuovo socio di maggioranza, interessato a sottoscrivere un aumento di capitale inscindibile, come deliberato lo scorso 14 luglio dall'assemblea straordinaria dei soci che, in quella sede, hanno anche rinunciato all'esercizio del diritto di opzione. L'aumento di capitale sociale sarà pari a 35 milioni di euro, al quale sarà applicato un sovrapprezzo dello 0,50% sul valore nominale, correlato all'acquisizione della maggioranza». L'aumento di capitale potrà essere sottoscritto attraverso due modalità. «Versando interamente il sovrapprezzo - dice il bando - e versando l'aumento di capitale ragione del 50% alla sottoscrizione e del residuo 50% non oltre i successivi sei mesi». L'aumento di capitale potrà essere fatto anche «versando interamente il sovrapprezzo, convertendo contestualmente crediti pacificamente vantati nei confronti della società e versando (ove di entità minore quello dell'aumento) le residue somme a conguaglio nei tempi previsti». In parole povere, il soggetto interessato, dopo aver pagato i debiti che non siano oggetto di contenzioso e il sovrapprezzo, dovrà comunque versare la differenza che separa da 35 milioni. «Il nuovo socio - ricordano le Terme - dovrà obbligarsi nella proposta (indicando le correlate garanzie) a finanziare la società nelle forme di legge per investimenti (non inferiori a 25 milioni) che quest'ultima in un più ampio contesto di rilancio e riposizionamento sul mercato, programmerà subito dopo la sottoscrizione dell'aumento per il bilancio successivo». Ma come sarà individuato il nuovo socio di maggioranza? «il sottoscrittore- prosegue il bando - è individuato per mezzo di procedura competitiva, applicando principi di pubblicità, trasparenza e non discriminazione. La procedura è composta di quattro fasi: preselezione e conseguente accesso alla data room su lettera di invito, rituale presentazione di proposte di sottoscrizione entro 120 giorni successivi, valutazione delle proposte anche alla luce degli eventuali miglioramenti sugli investimenti ed eventuale ulteriore fase competitiva , in caso di parità, aggiudicazione, verifica e accettazione della proposta«. Da ieri, il testo del bando è consultabile sui siti www.termemontecatini.it, www.mct.it e www.regionetoscana.it. La domanda di partecipazione dovrà pervenire non oltre le 13 del 15 settembre, in busta chiusa, controfirmata nei lembi, a Terme di Montecatini, viale Verdi 41, Montecatini. Sul frontespizio delle buste sarà scritto il mittente e indicato «Terme di Montecatini Spa - ricerca di un socio di maggioranza- Richiesta di invito». Dovranno essere allegati l'originale, in copia conforme, delle referenze bancarie , una copia del bando, con firma autenticata e dichiarazione di voler accettare quanto previsto nelle clausole e l'impegno alla riservatezza. L'aggiudicazione è prevista per il 25 ottobre. Daniele Bernardini Pagamento diretto o conversione crediti
OPZIONI

Due le opzioni per l'aumento di capitale. La prima prevede il versamento del sovraprezzo delle azioni e del capitale in due tranche con una distanza massima di sei mesi fra le due rate. Oppure versando il sovraprezzo e convertendo contestualmente crediti «pacificamente vantati nei confronti della società e versando le residue somme a conguaglio.


25 milioni: rilancio e riposizionamento
INVESTIMENTI

Il nuovo socio di maggioranza avrà un obbligo ben specificato nel bando: dovrà «finanziare la società nelle forme di legge per gli investimenti (non inferiori a 25 milioni) che quest'ultima, in un più ampio contesto di rilancio e riposizionamento nel mercato, programmerà subito dopo la sottoscrizione dell'aumento per il biennio successivo».