scarica l'app
MENU
Chiudi
19/06/2019

Servizio senza appalto Assolto ex direttore Iacp

Giornale di Sicilia

Sentenza del Gup
«Ho prorogato - ha detto quell'incarico per fare risparmiare l'ufficio» Grerlando Cardinale Il giudice dell'udienza preliminare di Agrigento, Stefano Zammuto, ha assolto l'ex direttore generale dell'Istituto autonomo case popolari, Ulisse Sajeva, 66 anni, accusato di abuso di ufficio per avere prorogato l'incarico a una ditta che si occupava di pulizie alle dipendenze dell'ente autonom o. A sollecitare un verdetto di assoluzione, dopo che il funzionario, difeso dagli avvocati Nicola Grillo e Antonino Manto, si era fatto interrogare, è stato lo stesso pubblico ministero Chiara Bisso. «Ho prorogato quell'incarico aveva detto all'udienza precedente - per fare risparmiare l'ufficio, se avessi bandito una nuova gara sarebbe stato molto più costoso. Le accuse nei miei confronti sono del tutto infondate e pretestuose. Se in quel momento avessi bandito la gara - ha detto rispondendo al giudice - sarebbe venuto a costare di più». Il danno contestato era di poco più di 10mila euro. A tanto ammonta l ' importo dell ' appalto che, sostiene l ' accusa, la ditta avrebbe ingiustamente guadagnato a discapito di eventuali altre imprese che avrebbero potuto svolgere il servizio se ci fosse stata una procedura ad evidenza pubblica. Il processo si è celebrato con il rito abbreviato: la strategia della difesa, dopo che l ' imputato si è fatto sentire in aula, è stata quella di un processo «allo stato degli att i». Lo scorso settembre, Sajeva era finito a processo per un ' altra ipotesi di abuso di ufficio di maggiore rilevanza ma l ' udienza preliminare è stata azzerata per un vizio di forma: la Procura aveva dimenticato di fissare l ' interrogatorio, obbligatorio se lo chiede l ' indagato dopo l ' avviso di chiusura dell ' i nchiesta, e il giudice ha restituito gli atti alla Procura che dovrà fare ripartire il procedimento dopo le relative formalità. Sajeva è accusato di essersi aumentato in maniera autonoma e illegittima lo stipendio, vanificando la riduzione degli emolumenti che era stata disposta dal commissario dell'Istituto Domenico Armenio. La vicenda è ancora congelata nell ' attesa che possa nuovamente approdare in aula per l ' udienza preliminare. ( *G ECA* ) Udienza preliminare. Il giudice Stefano Zammuto