scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/06/2021

«Senza un dibattito furto di democrazia»

La Prealpina

COMITATO DIRITTO ALLA SALUTE
(f.i.) - Il Comitato per il Diritto alla salute del Varesotto torna alla carica contro il progetto del nuovo ospedale di Busto-Gallarate. Il gruppo di cittadini parla senza mezzi termini di «furto di salute e di democrazia» e «di irresponsabilità dei governanti locali e regionali». «I sostenitori dell ' ospedale unico - sottoli nea il comitato - non sono in grado di fornire un quadro corretto e completo della proposta» e neppure «di spiegare perché negli ultimi quattro anni non è stato dato alcun seguito alle decisioni formalmente assunte da Regione Lombardia e dai Comuni di Busto Arsizio e Gallarate, oltre che dagli enti sanitari coinvolti». Per il Comitato, «l ' unica conseguenza dei continui annunci, è stato il demansionamento degli attuali ospedali, le cui ricadute negative sulla qualità del servizio nessuno, ormai, osa più negare. È raccapricciante apprendere dalla stampa - rileva no i cittadini - che una delle principali ragioni per accelerare il procedimento, cioè il presunto derby tra Busto/Gallarate e Cremona per accaparrarsi i fondi, è stata definita una fake news da fonti qualificate di Regione Lombardia. Ed è un furto di democrazia la richiesta, inoltrata da Regione Lombardia ai Comuni di Busto Arsizio e Gallarate, di derogare al dibattito pubblico, forma di partecipazione di cittadine e cittadini introdotta nel 2018 nel codice degli appalti. Richiesta che la giunta comunale di Busto Arsizio ha prontamente accolto e deciso di portare alla votazione della commissione straordinaria nuovo ospedale del 28 giugno e del consiglio comunale del 29 giugno». «Dopo i ripetuti annunci sull ' imminente definizione dell ' accordo di programma che avrebbe dovuto essere siglato entro il 31 gennaio 2020, ben prima che l ' epidemia Covid-19 fosse accertata in Italia - prosegue il comitato -, ora si prende l ' emer genza sanitaria come giustificazione dei ritardi, e i " vincoli temporali stringenti dettati dalla Commissione Europea al fine di accedere ai finanziamenti derivanti dal Pnrr " come pretesto per privare cittadine e cittadini del diritto a partecipare alla decisione. Ma c ' è di più: non ci risulta che i fondi del Pnrr siano utilizzabili allo scopo di costruire un nuovo ospedale. Nell ' ambito della missione 6 " Salute " sono invece previste risorse per l ' assistenza sanitaria territoriale, le case di comunità e gli ospedali di comunità. Il territorio rischia perciò di perdere le vere occasioni date dal Pnrr per migliorare il servizio sanitario pubblico».