scarica l'app
MENU
Chiudi
11/12/2019

Scuole provinciali, arriva il riscaldamento Ieri mattina nuovo sciopero degli studenti

La Gazzetta Del Mezzogiorno

BUROCRAZIA E RITARDI L'ENTE SPIEGA I MOTIVI CHE HANNO DETERMINATO IL RITARDO
l Riscaldamento nelle scuole ancora al palo, fino a ieri, per via di problemi di carattere burocratico. E gli studenti di diversi istituti sono scesi in piazza per protesta radunandosi in piazza Santa Teresa per manifestare richiamando l'attenzione della Provincia. L'Ente tuttavia annuncia che già da oggi le scuole saranno riscaldate dopo essersi assunto tutte le responsabilità del caso per superare il problema precisando i passaggi che hanno determinato i ritardi. «In riferimento alla fornitura del gas per l'accensione degli impianti di riscaldamento negli istituti scolastici superiori del territorio provinciale - spiega l'Ente di via De' Leo -, procedura tecnica che sarà ultimata nel corso della giornata odierna (ieri ndr), si fa presente che la relativa gara d'appalto era stata ultimata nei primi giorni di ottobre. Si coglie l'occasione per rammentare che il percorso che conduce all'affidamento di un servizio pubblico, per tramite di specifica gara d'appalto, prevede, in una sua prima fase, l'ag giudicazione in via provvisoria all'azienda aggiudicataria, definita attraverso la verifica della documentazione cartacea prodotta e attraverso la congruità dell'offerta, per giungere, in una seconda fase, all'aggiudicazione definitiva con l'esame dell'intera documentazione che l'aggiudicatario si impegna a produrre». E ancora: «Nonostante agli uffici competenti dell'Ente non sia a tutt'oggi ancora giunta la documentazione richiesta ad altri enti per l'effettuazione delle verifiche e la conseguente aggiudicazione definitiva, la Provincia di Brindisi, per tramite della Segreteria Generale, si è assunta la responsabilità in maniera totale, visto il carattere d'urgenza, di far partire, tra il 9 e il 10 dicembre, così come annunciato nei giorni scorsi con una lettera informativa indirizzata a tutti i dirigenti scolastici, il servizio di fornitura del combustibile per l'accensione dei riscaldamento negli istituti scolastici di competenza provinciale».

Foto: PIAZZA SANTA TERESA La protesta degli studenti