scarica l'app
MENU
Chiudi
27/06/2020

«Scuole, palestre, palazzetti e rotatorie: questa è la giunta delle grandi incompiute»

QN - Il Resto del Carlino

«Credo si debba prendere atto che la nostra città in questi cinque anni ha perso molto tempo, molte opportunità e molte posizioni nella classifica della qualità della vita». E' l'amaro resoconto di Piero Lodi che ha stilato un elenco con alcuni dei progetti dell'amministrazione che non stanno ancora vedendo la luce nonostante gli anni trascorsi. «Senza alcun potere speciale o prerogativa diversa dalla regolare attuazione del codice degli appalti, dopo il terremoto in 78 giorni abbiamo rimesso oltre 600 bambini a Corporeno in una scuola nuova. Ci furono molte polemiche ma in tre anni abbiamo realizzato 5 scuole, riaperto la Rocca, il palazzo del governatore e avevamo avviato il cantiere del Municipio e fatto ripartire il cantiere della stazione e inaugurato il terminal». Lungo anche l'elenco di cose cancellate dall'attuale giunta o progetti firmati Toselli che non vedono la luce. «Ora in una situazione nemmeno paragonabile, senza campi tenda, senza migliaia di persone fuori da casa, l'attuale amministrazione da oltre 12 mesi ha promesso di riparare la passerella sul Reno per ripristinare il doppio senso ma i lavori non sono neppure partiti - snocciola Lodi -. Da oltre 4 anni ha promesso di costruire la nuova palestra di Bevilacqua che, invece, è un cantiere abbandonato, ha promesso un nuovo palazzetto dello sport che, con oltre un anno di ritardo, arriverà, si spera, pochi istanti prima dell'inizio della nuova stagione agonistica e in 4 anni neppure il giardinetto di XII Morelli è stato riqualificato. Stesso destino per il Giardino del monumento di Reno Centese. Dopo tre mesi di scuola chiusa e con davanti 3 mesi di vacanze estive, poi, annunciano un nuovo cantiere alle Pacinotti che si aprirà a settembre e che, dunque, pregiudicherà parte del nuovo anno scolastico e, intanto, l'ampliamento già concluso dalla mia amministrazione è ancora chiuso e vuoto. Continuando con le scuole, nella programmazione scolastica comunale ancora non è scritto che a settembre riapriranno le Pascoli e, realisticamente ciò non accadrà. Eppure il finanziamento per far partire quel cantiere era già stato individuato da noi e avevamo anche predisposto i bandi di gara per i lavori. Nulla anche per la rotonda di via del Curato». Laura Guerra