scarica l'app
MENU
Chiudi
10/04/2020

Scuole: c’è l’ok ai lavori per Ardigò e Sacchi Soldi per affitti arretrati

Gazzetta di Mantova

giunta
La giunta, riunita in teleconferenza, ha approvato due interventi a sostegno delle famiglie in difficoltà con l'affitto. Le misure prevedono l'erogazione di 450mila euro attraverso due differenti bandi a sostegno di inquilini morosi incolpevoli che risiedono in abitazioni private. La cifra si compone di 300 mila euro provenienti da un bando regionale, ai quali il Comune ha aggiunto altri 150 mila euro di propri residui per un secondo intervento.Il primo bando di 300mila euro ha lo scopo di intervenire per evitare sfratti esecutivi attraverso contributi tra i 6mila e i 12 mila euro. I requisiti per partecipare al bando oltre a prevedere la presenza di uno sfratto esecutivo sono la residenza nel Comune di Mantova, un Isee non superiore ai 35mila euro e la titolarità di un contratto di locazione sul libero mercato. Sarà data priorità ai cittadini ultra settantenni, alle famiglie con minori e alle persone con invalidità oltre il 74% o situazioni prese in carico dai servizi sociali. Il bando partirà a breve e sarà possibile far domanda presso le sedi dei sindacati degli inquilini e dei proprietari sino al 31 dicembre 2020 e comunque sino ad esaurimento delle risorse. Il secondo bando prevede un investimento da parte del Comune di 150mila euro e si rivolge a inquilini morosi incolpevoli che, però, non hanno ancora un procedimento di sfratto aperto, ma solo affitti arretrati anche come conseguenza dell'emergenza coronavirus. Le tempistiche del bando sono in corso di definizione. «Si stanno mettendo a disposizione dei cittadini risorse importanti per aiutare i nuclei famigliari a mantenere l'alloggio» dice l'assessore alle politiche abitative Nicola Martinelli -. È un sostegno molto importante in questo periodo di difficoltà economiche».Ok della giunta anche al progetto definitivo per il miglioramento sismico e la riqualificazione igienico-sanitaria e della scuola secondaria di primo grado Sacchi e della scuola primaria Ardigò. È prevista una spesa complessiva di 950mila euro. I lavori riguarderanno tutti i piani, dall'interrato fino al secondo piano. L'intervento dedicherà una particolare attenzione al miglioramento sismico con l'alleggerimento del tetto, il rinforzo strutturale di pareti e pilastri, la posa di tiranti metallici. Saranno, inoltre, riqualificati i bagni. Il progetto è dell'ingegner Luca Signorini. Lavori in estate, a scuole chiuse. --