scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
07/11/2020

Scontro con Pessina sulla ruota «Accordi diversi, così non va»

Corriere Fiorentino

Cronaca
I dubbi del soprintendente sull'idea del Comune. La replica: «Avevamo il suo ok» I paletti Il nostro s ì era legato al momento di crisi e limitato al solo periodo di Natale In più l'altezza indicata nel bando è eccessiva: doveva essere di 30 metri
Bocciata. Sia dai fiorentini sui social sia dalla stessa soprintendenza che ne avrebbe dovuto autorizzare l'installazione. L'idea dell'Ufficio del Sindaco, che nei giorni scorsi ha pubblicato un bando esplorativo rivolto ai privati per piazzare dall'1 dicembre al 15 gennaio una ruota panoramica da 35 metri al Piazzale Michelangelo con tanto di villaggio dello street food (per sovvenzionare le attività culturali e rimpinguare il Fondo Rinasci Firenze), apre un fronte con Andrea Pessina che aveva sì dato il suo consenso ma «a patto che la giostra non fosse alta più di 30 metri» e che occupasse il piazzale al massimo per una ventina di giorni. «In passato, credo nel 2018 - racconta il soprintendente -, avevamo già ricevuto una richiesta per una ruota panoramica nella stessa area per un periodo di circa due mesi. Ma l'avevamo bocciata». Quest'anno, però, il Comune è tornato alla carica, «ma noi abbiamo espresso le nostre perplessità anticipando che di certo non avremmo approvato una ruota di 50 metri e per tre mesi come ci era stato prospettato. Noi a quel punto, visto anche il momento, abbiamo risposto che, per evitare un impatto sul cono visivo di San Miniato e del piazzale, avremmo dato il via libera solo ed esclusivamente se la ruota fosse stata alta non più di una trentina di metri e per un periodo massimo di venti giorni. Cioè, se è una cosa legata solo al Natale possiamo anche fare uno sforzo, in caso contrario non siamo per nulla d'accordo. Il bando non mi è stato sottoposto quindi non conosco i termini, ma se sono che ho letto oggi, mi spiace ma non ci siamo. Le nostre indicazioni erano chiarissime». Le dichiarazioni del soprintendente Andrea Pessina colgono di sorpresa Palazzo Vecchio che replica di aver predisposto il bando esplorativo dopo un serrato confronto proprio con la soprintendenza. Il Comune, inoltre, chiarisce che «la proposta iniziale prevedeva una ruota panoramica alta 55 metri ma la stessa soprintendenza ci ha scritto che avrebbe invece dovuto essere alta al massimo 35 metri e attiva nel periodo natalizio in coerenza con gli altri allestimenti natalizi che però nel Comune di Firenze vanno dal primo dicembre al 15 gennaio». Da piazza Signoria, poi, ribadiscono che quello pubblicato sul sito istituzionale del Comune è comunque un avviso meramente esplorativo. Il bando, in ogni caso, nonostante l'ultimo Dpcm, verrà chiuso il 23 novembre alle 12.30. Ma appare difficile che la ruota e il villaggio street food, data la situazione epidemiologica attuale, possano prendere il via quest'anno. Sul progetto «Ruota Panoramica Piazzale Michelangelo» bisogna infine registrare il fuoco di fila da parte delle opposizioni in Consiglio comunale. «Avremmo contestato il bando già in una situazione ordinaria. Così - affermano Dimitrij Palagi e Antonella Bundu di Sinistra Progetto Comune - diventa una sfida ad altre improbabili idee, come quella di un sottomarino da depositare in Arno, ovviamente con un modello a cabine distanziate». Ancora più tranchant è federico Bussolin, capogruppo della Lega: «Nardella abbandoni l'idea del "Luna Park" al Piazzale e torni a occuparsi delle soluzioni concrete per far respirare il commercio del centro. È imbarazzante - conclude Bussolin - che una quota del biglietto della ruota venga destinata al "Fondo Rinasci Firenze", perché dovevano essere i grandi mecenati a donare soldi per la rinascita della città. Invece oggi il sindaco quei soldi li chiede ai fiorentini». Antonio Passanese

Il bando

● Il Comune di Firenze ha pubblicato un bando per l'installazione temporanea di una ruota panoramica al Piazzale ● La ruota dovrebbe restare dal primo dicembre al 15 gennaio ● Parte dei ricavi della ruota e degli stand di street food andrebbero nel fondo «Rinasce Firenze»

Foto: A tutela Andrea Pessina