scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/07/2021

Sciopero dei netturbini «Utilizziamo le isole»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

MOLFET TA L ' APPELLO DEL SINDACO PER EVITARE DISAGI NELLA GIORNATA DI OGGI
l MOLFETTA. Di fronte allo sciopero nazionale del settore igiene ambientale, previsto per la giornata di oggi, 30 giugno, a Molfetta si registra l ' appello del sindaco Tommaso Minervini ai cittadini a collaborare, in modo da limitare al massimo le conseguenze per la città e in particolare per l ' ambiente urbano. Si preannuncia una giornata molto difficile quella di oggi per la raccolta dei rifiuti. Le organizzazioni sindacali Fp-Cgil, Fit-Cisl e Uil-Trasporti del settore igiene ambientale, hanno, infatti, proclamato una giornata di sciopero nazionale. A Molfetta, in particolare, a essere coinvolti nella protesta saranno gli operatori ecologici dell ' Azienda servizi municipa lizzati (Asm) che sospenderanno una parte considerevole delle loro attività, garantendo soltanto la raccolta dell ' immon dizia presso l ' ospedale civile e le case di cura, lo spazzamento e la raccolta rifiuti al mercato ortofrutticolo e ai mercati ittici, oltre al lavaggio dei mercati rionali. Il problema si pone sopratutto per la raccolta dei rifiuti porta a porta e la possibile presenza degli stessi per le strade cittadine. «Il giorno 30 giugno, in seguito a uno sciopero nazionale, non sarà ritirato l ' umido - conferma il sindaco Tommaso Minervini -. Per ovviare al problema di dover tenere in casa i rifiuti della frazione umida fino al prossimo ritiro, d ' intesa con il presidente dell ' Asm, Vi to Paparella, abbiamo deciso di tenere aperte le tre isole ecologiche della città, a Levante, a Ponente e a Mezzogiorno, con orario continuato dalle 7 alle 19. Ma, senza la collaborazione di ciascuno di noi - ha concluso il primo cittadino -, tutto sarà inutile». Lo sciopero generale nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori del settore dei servizi ambientali è stato proclamato per chiedere una correzione immediata dell ' articolo 177 del codice degli appalti che mette a rischio migliaia di posti di lavoro nel comparto. I sindacati spiegano che l ' articolo in questione, le cui pro roghe applicative scadranno a fine anno, obbliga le aziende concessionarie a esternalizzare l ' 80 per cento di tutte le attività, anche nei casi in cui le stesse vengano svolte direttamente dal proprio personale. La norma impatta pesantemente sui costi economici, obbligando le aziende a spezzettare rapidamente il servizio con gare al ribasso, e costi sociali, anche in previsione della perdita dei posti di lavoro e dell ' applicazione contrattuale non di settore che ne deriverebbe. A Molfetta, in concreto, è alto il rischio di vedere rifiuti non raccolti: da questo deriva l ' appello del sindaco a non esporre la frazione umida per tutta la giornata odierna. [matteo diamante]

Foto: MOLFETTA Tommaso Minervini


Foto: NIENTE RITIRO


Foto: La frazione umida può essere depositata nei tre poli ecologici